Il tecnico ha parlato a Sky Sport

Il tecnico del Cagliari, Eusebio Di Francesco, ha parlato a Sky Sport alla vigilia della partita di domani all’Allianz Stadium contro la Juventus. Ecco le sue dichiarazioni:

“La Nazionale è importantissima, tutte le nazionali bisogna avere grande rispetto perché personalmente ho anche partecipato da calciatore ed è importante onorarla in una determinata maniera. In questo momento io non condivido il fatto delle tre partite consecutive anche perché ci sono giocatori al di là del discorso Covid di chi ti arriva all’ultimo momento per la preparazione della gara: giocatori come Marin, come Walukiewicz, che sono arrivati ieri sera alle dieci, non hai nemmeno il tempo di vedere come stanno e magari li devi mettere in campo. Per di più parlo anche per le squadre che giocano in Champions, che hanno tanti impegni ravvicinati, gli allenatori che poi sono costretti a un grande turnover o per lo meno criticati a volte per quello che fanno, ritengo che è inevitabile, inevitabile dover cambiare, inevitabile in questo momento che troppe partite ravvicinate, al di là di quello che si possa dire “nel calcio ci sono tanti soldi”, ci sono anche degli uomini, delle persone che fanno fatica a sostenere tanti impegni e questo calendario non è adeguato assolutamente al momento. Le assenze di Nandez e Lykogiannis? Al di là di chi gli andrà a sostituire, noi affronteremo la partita nel modo giusto. È anche l’opportunità per chi ha giocato meno, chi ha avuto meno possibilità, di mostrare le proprie qualità in una partita sicuramente non facile contro una squadra forte, che ha qualità tecniche importanti, che ha la possibilità di sostituire determinati giocatori importanti come Bonucci con De Ligt, con tanti altri giocatori forti in tanti ruoli perché è la Juventus, non ci scordiamo chi andiamo ad affrontare. Nonostante abbia avuto qualche difficoltà in campionato, sta facendo bene in coppa, è una squadra forte per valori tecnici, per quello dovremo fare una partita importante per poter portare a casa un risultato positivo. Che tipo di Juventus mi aspetto? Sì ma, al di là di quello che sta facendo Andrea [Pirlo], come si suol dire sono “lavori in corso”. Non mi piace il fatto che siano giudizi prematuri nei confronti un po’ di tutti, specialmente sulla Juve. Assolutamente ritengo che abbia dei valori importanti questa squadra e sono convinto che alla fine verranno fuori. Le difficoltà le hanno tutti ma io non parlavo solo per me: è un discorso generale legato a questi impegni che crea difficoltà anche alla Juventus nonostante abbia una rosa ampia e di grande qualità”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: