Il tecnico parla dopo l’1-1 con l’Elche

Il Levante non riesce ad uscire totalmente dalla crisi e guadagna solamente un punto, pareggiando per 1-1 in casa contro il neopromosso Elche. Ecco le parole post gara del tecnico Paco López (fonte: MARCA):

“Che lettura do della partita? Il primo tempo l’abbiamo fatto sempre come volevamo. Abbiamo fatto la parte difficile, andando avanti nel punteggio. Abbiamo avuto dei bei momenti. È vero che l’Elche ha questo modo di giocare con un inizio a tre e di solito ha molto possesso di palla. Nel secondo tempo abbiamo iniziato, forse, con la paura di perdere quello che abbiamo e abbiamo fatto un passo indietro. Il pareggio è venuto da un calcio da fermo, e non abbiamo visto che potevamo essere colpiti in altro modo. Con i cambi la squadra ha fatto un passo avanti e siamo finiti vicino all’area avversaria. Ci siamo persi di nuovo. Abbiamo fatto un paio di errori sulle fasce. Volevamo vincere e abbiamo ottenuto un solo punto. Il secondo tempo? Penso che sia stata più una questione di atteggiamento che altro. L’ Elche ha messo una linea a tre senza paura. Abbiamo fatto un piccolo passo indietro. Avevano la palla, ma non hanno avuto la possibilità di segnare fino al fallo sul set. È vero che ci sentivamo relativamente a nostro agio in campo, ma senza la palla non siamo riusciti a essere noi stessi. Poco prima del pareggio abbiamo avuto Rochina pronto ad avere più palla e il gol è arrivato. Gli ultimi quindici minuti la squadra è finita sul campo avversario, la giocata di Clerc che va fuori controllo all’ultimo momento… è vero che, senza aver fatto una partita brillante, credo che la squadra abbia fatto bene ad accettare la partita. L’Elche non hanno avuto eccessive opportunità da gol. Crisi? Non ci si deve preoccupare. Insisto di nuovo. Ci piacerebbe essere molto dominanti in tutte le partite, avere molta superiorità. Ma questo in Prima Divisione per poche volte. Abbiamo fatto la parte difficile, siamo andati avanti. Quel piccolo passo indietro, o due piccoli passi indietro, non ci siamo abituati, ma sei anche costretto dall’avversario”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: