Real Madrid-Elche | Escribá: “La squadra ha fatto quello che poteva”

Real Madrid-Elche | Escribá: “La squadra ha fatto quello che poteva”. Lo ha affermato l’allenatore dell’Elche, Fran Escribá, dopo la sconfitta esterna (in rimonta) per 2-1 all’Alfredo Di Stéfano Stadium contro il Real Madrid, momentaneamente seconda forza della Liga Santander 2020-2021 (in attesa di Barcellona-Huesca di domani n.d.r.). Il tecnico biancoverde, in conferenza stampa, ha affermato come la squadra nello spogliatoio sia rimasta sconvolta per il risultato negativo odierno ma ha anche apprezzato lo sforzo di tutti i suoi giocatori contro una squadra nettamente più forte dal punto di vista tecnico. Ecco qui di seguito le parole dello stesso Escribá (report completo su MARCA):

“El vestuario está fastidiado, lógicamente. Pero al mismo tiempo, les he dicho a los jugadores que deben sentirse reforzados. Estuvieron bien e hicieron todo lo posible. Dije en la previa que veníamos a intentar ganar. Sabiendo que era un partido difícil, como así ha sido. Contra un rival que empuja, más con marcador en contra. Nos ha tocado perder en el descuento. Pero el equipo estuvo realmente bien. veces, puedes echar de menos manejarlos. Pero hicimos lo que había que hacer. Reforzamos el centro del área, porque el Madrid estaba buscando centros. Lo que no te esperas tanto es que se te descuelguen delanteros para sacar un remate. No fue un bombardeo del Madrid, que digas que tenía que llegar el gol. Nosotros tuvimos nuestras ocasiones. El Madrid es un gran equipo y empuja mucho. Igual si la tiramos fuera, podría haber acabado 1-1. Pero hay que pensar en el siguiente partido”

“Lo spogliatoio è sconvolto, ovviamente. Ma allo stesso tempo, ho detto ai giocatori che devono sentirsi rinforzati. Sono stati bravi e hanno fatto tutto quello che potevano. Ho detto in anticipo che saremmo venuti qui per cercare di vincere. Sapendo che era una partita difficile, come è stato. Contro un rivale che spinge, ancora di più con il punteggio contro di noi. Abbiamo dovuto perdere nei tempi morti. Ma la squadra era davvero buona, a volte si può mancare. Ma abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Abbiamo rafforzato il centro dell’area di rigore, perché il Madrid cercava i cross. Quello che non ci si aspetta così tanto è che gli attaccanti si abbassino in profondità per fare un tiro. Non è stato un bombardamento di Madrid, bisogna dire che il gol doveva arrivare. Abbiamo avuto le nostre occasioni. Il Madrid è una grande squadra e spinge molto. Forse se avessimo tirato largo, sarebbe potuta finire 1-1. Ma dobbiamo pensare alla prossima partita”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: