Cagliari, Capozucca: “Mercato difficile. A fine stagione il presidente ha chiesto un ridimensionamento”

Il direttore sportivo del Cagliari, Stefano Capozucca, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano L’Unione Sarda per fare il punto sul calciomercato rossoblu in vista della prossima stagione. Ecco di seguito alcuni passaggi ripresi da centotrentuno.com:

“È il mercato più difficile della storia. A fine stagione il presidente ha chiesto un ridimensionamento. Il Cagliari non può più sopportare l’ingaggio di Godin. Non abbiamo chiesto al giocatore di ridursi lo stipendio ma stiamo parlando con chi lo rappresenta. Nandez? Mi spiacerebbe privarmene ma allo stesso tempo meriterebbe un top club. Non c’è stata offerta del Leeds, l’Inter ha fatto un sondaggio, c’è qualche club straniero ma nulla di concreto. Cragno? Capisco le sue ambizioni, trattativa? Qualcosa c’è… Simeone e Walukiewicz? Cerchiamo una soluzione che possa accontentare tutti. Walukiewicz è un giocatore forte ma se trovasse penalizzante restare può partire. Su Simeone la Sampdoria ha offerto due contropartite. Questione rinnovi? Con Ceppitelli ci sarà oggi l’incontro decisivo. Ci sono delle difficoltà ma quando le parti hanno la stessa volontà si può superare tutto. Deiola? C’è qualche problema, il ragazzo ambisce ad avere qualcosa di meglio dal punto di vista economico. Joao Pedro? Il Cagliari e soprattutto io vogliamo tenerlo e stiamo lavorando a un contratto a lungo termine fino al 2025. Gli intoccabili? Nainggolan è tra gli intoccabili. È stato molto importante per la salvezza. Voglio risolvere l’operazione prima che inizi il ritiro. Si sta già allenando e voglio che sia il Nainggolan vero sin dal 22 agosto. Per Marin ci sono state richieste ma lo riteniamo incedibile”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: