Roma, Mourinho: “Entusiasta sin dal primo giorno. Ho avuto subito delle sensazioni molto positive”

Il nuovo allenatore della Roma, José Mourinho, ha rilasciato ai canali ufficiali del club la sua prima intervista da guida tecnica dei giallorossi. Ecco le sue dichiarazioni (qui la versione integrale):

“Quanto sono entusiasta di questa nuova sfida? Sono entusiasta sin dal primo giorno. E sono sincero quando dico sin dal primo giorno. Quando il primo giorno ho incontrato la proprietà e Tiago Pinto, ho avuto subito delle sensazioni molto positive. E questo significa molto per me. Il mio entusiasmo, ovviamente, si basa sulle conversazioni che abbiamo avuto, sulle idee che ci siamo scambiati, ma anche su qualcosa a cui io do molto valore: le sensazioni umane. L’empatia. Sin dal primo giorno ho avuto voglia che arrivasse il vero primo giorno, cioè il giorno in cui sarei arrivato a Roma. Se sono state le “sensazioni umane” che mi hanno convinto che questa era l’opportunità giusta per me? Sono state le sensazioni umane, ma anche le idee, le informazioni, le domande e le risposte di entrambe le parti. Dopo il primo colloquio ho avuto la sensazione che questo non è il progetto dei Friedkin, non è il progetto di José Mourinho, non è il progetto di Tiago Pinto, questo è il progetto dell’AS Roma. È questo che ho pensato. Ed è qualcosa che mi ha colpito particolarmente. Perché, com’è noto, nella mia carriera ho avuto diverse esperienze e ho lavorato in club con situazioni simili a questa, con una proprietà straniera, mettiamola così. E sono stato colpito dal fatto che il signor Friedkin e suo figlio Ryan parlassero in continuazione dei tifosi della Roma. Non parlavano di loro, non parlavano del progetto, parlavano dei tifosi. In moltissime occasioni si ha la sensazione che i proprietari parlino dei club come dei loro club. E in un certo senso è così, se visto da una determinata prospettiva. Ma loro parlavano del club come il club dei romanisti. E che era per loro che volevano farlo. E questo è stato molto, molto importante per me. Perché, ovviamente, conosco la realtà dei fatti. Abbiamo terminato la scorsa stagione a 29 punti dalla prima e a 16 punti dal quarto posto. Ma un club non si giudica dall’ultima stagione. Un club si giudica da un punto di vista più ampio. E io so molto bene cosa sia l’AS Roma. Conosco la tifoseria, conosco la passione, e se pensi che il progetto sia: Domani arrivo e dopodomani vinciamo, beh, questo non è un progetto. Quello della Roma è un progetto con il quale la proprietà intende lasciare un’eredità per gli anni a venire. Intende fare qualcosa di importante per il club, lavorando a un progetto che sia sostenibile. Vuole creare le basi per il successo. Spero che questo successo possa arrivare mentre io sarò qui. Perché il contratto che ho firmato è un contratto triennale. Magari sarà solo il primo contratto, forse un giorno ne firmerò un secondo. Spero che i risultati del nostro lavoro si potranno vedere mentre io sarò qui. Voglio davvero che questo accada. Ma affrontiamo una cosa alla volta. Sono molto contento di fare parte di questo progetto. E, lo ribadisco, non è il progetto di qualcuno. È il progetto dell’AS Roma”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: