Inter, Farris: “Abbiamo lavorato intensamente. Essere qui per me è un motivo di grande orgoglio”

Il vice allenatore dell’Inter, Massimiliano Farris, ha parlato ai microfoni di Inter TV della situazione generale della squadra in vista dell’inizio del campionato e del ritorno nella ‘sua’ Milano dopo 34 anni. Ecco le sue dichiarazioni:

“Come sta andando la preparazione? Molto bene, per noi era importante il primo approccio con la squadra, si è letto un po’ da tutte le parti quello che è stato l’approccio di mister Inzaghi già prima del raduno quindi i giocatori penso abbiano apprezzato la volontà di allenatore e staff di conoscere il gruppo. Abbiamo avuto giorni di lavoro intensi che sono serviti sia per conoscere soprattutto le qualità umane dei ragazzi, quelle atletiche e calcistiche erano ben note perché siamo venuti nel gruppo dei Campioni d’Italia, quindi sta a noi calarci in questa nuova realtà. Il rapporto con Inzaghi iniziato alla Lazio e che sta proseguendo all’Inter? Sicuramente devo molto a Simone come alla Lazio, sono stati anni intensi, abbiamo ottenuto grandi risultati, probabilmente anche inaspettati che però ci hanno portato qui. C’è un bellissimo ricordo della Lazio, delle vittorie ottenute, però per me qui ha un sapore particolare perché gioco in casa. Su quali aspetti ci confrontiamo maggiormente? Sotto tutti gli aspetti, dalla preparazione della partita, alla condizione mentale e psicofisica dei giocatori, l’aspetto tecnico-tattico. Ormai ci conosciamo da tanti anni con tutto lo staff, le partite vengono preparate insieme e il lavoro settimanale, come è stato per questa preparazione, viene organizzato dal gruppo. I ricordi da calciatore? Il primo ricordo è che da ragazzino fui scartato dall’Inter. A parte gli scherzi, è stata una carriera che è cominciata qui a Milano nelle giovanili del vecchio Bariviera, ho avuto la fortuna di giocare in Serie A con il Torino poi tanta Serie B e C e quindi la strada di allenatore mi ha portato qui, al momento è sicuramente il punto più alto della carriera. Quanto è cambiato il ruolo dell’esterno negli anni? Sì hanno un ruolo fondamentale, sicuramente c’è stata un’evoluzione atletica perché inizialmente c’erano due tipi di interpretazione, o una difensiva o una prettamente offensiva, invece negli ultimi anni si è andati più alla ricerca di una copertura totale della fascia. Quali sono gli aspetti su cui insisto per quanto concerne il reparto difensivo e la squadra? Il difensore deve avere una grandissima qualità, deve stare concentrato 96 minuti, quanto durano mediamente oggi le partite, lo dico sempre ai ragazzi. Un attaccante può non farlo e poi segnare il gol decisivo della partita, il difensore invece può stare attento 89 minuti e poi può capitare di farsi fregare al 90’. Quindi dico la concentrazione che viene pretesa e data in allenamento, l’attenzione sulla preparazione tattica, insistiamo soprattutto su questo: concentrazione e determinazione. Com’è cambiata Milano ora che sono tornato? Sono tornato a casa dopo 34 anni, la città è cambiata tanto, in meglio, sono molto felice perché avevo cominciato un percorso qui da bambino che poi si è interrotto e oggi mi ritrovo con la maglia per la quale ho fatto il tifo. Mio padre mi ha portato alla mia prima partita a San Siro a vedere l’Inter quindi a distanza di anni trovarmi con lo staff su questa panchina è un motivo di grande orgoglio. Cosa mi aspetto da questa stagione? Di proseguire il lavoro che abbiamo trovato, quindi se possibile continuare ad essere leader nel campionato italiano, non sarà facile perché ripetersi in Italia è difficile visto che l’Inter è riuscita dopo tanti anni a interrompere l’egemonia che c’era a Torino e possibilmente fare quel passo in più in Europa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: