fbpx

Il tecnico parla dopo l’1-1 con l’Inter

L’Atalanta, dopo la netta sconfitta casalinga per 5-0 in Champions League contro i campioni d’Inghilterra in carica del Liverpool, ottiene un buon pareggio – sempre al Gewiss Stadium – per 1-1 contro l’Inter, rimontando lo svantaggio grazie alla prima gioia al debutto di Miranchuk, che ha risposto a Lautaro. Ecco le parole post gara del tecnico Gian Piero Gasperini a Sky Sport (riproduzione: TMW):

“Non ho mai avuto la sensazione che ci fosse una situazione di difficoltà. Giochiamo partite molto impegnative e difficili tra campionato e coppa. Ma la squadra ha avuto sempre una buona presenza tranne rarissime volte. Secondo me si vuol mettere pressione all’Atalanta come se dovesse vincere lo Scudetto o andare avanti in Champions. Le aspettative le mettano gli altri, noi non dobbiamo mettercele. Sappiamo quanto è complicato e in questo periodo abbiamo avuto un po’ di giocatori fuori. La sosta questa volta arriva al momento opportuno, però anche oggi abbiamo fatto una buona gara. Gli esordi di Miranchuk e Ruggeri? Son contento per entrambi. Per Ruggeri non era facile ma è un ragazzo che sta facendo bene. È un 2002 con ottime doti tecniche e fisiche. Ha bisogno di farsi esperienza ma ha il futuro davanti a sé. Miranchuk straordinario: in due spezzoni ha toccato pochissime palle facendo due gol. Ha qualità ed è stato fermato da un infortunio, ora speriamo di inserirlo al meglio. La sosta? Per 10 giorni ci alleneremo in 6 giocatori, diversi li vedremo il venerdì mattina prima di andare a giocare contro lo Spezia. In realtà come squadra non ci alleniamo proprio, però sarà così fino a Natale, è normale. È così per tutti. Come si batte il Liverpool? Sono campioni del mondo e insieme al Bayern la più forte del mondo. Anche loro hanno avuto difficoltà in campionato, forse noi abbiamo esaltato le loro qualità. Non finirà sempre così e lo vedremo il ritorno. Ma quella serata andava il doppio di noi. Come mai il calo sugli esterni? Per noi il ruolo d’esterno è molto, molto importante. Abbiamo perso Castagne e in questo periodo Gosens. Il nostro gioco si basa molto sugli esterni e quando girano poi anche gli altri hanno più possibilità di giocare. In questo periodo ci sono mancati un po’ ma stiamo lavorando per farli rendere al meglio. Troppi attaccanti? “Alla fine oggi abbiamo pareggiato con l’inserimento di Miranchuk, Lammers e Muriel. Abbiamo ancora fuori Ilicic ed erano usciti Zapata e Malinovskyi. Io non sono per molta confusione perché perdi del tempo, ma in situazioni come oggi ti danno la spinta per raddrizzare la partita. Piuttosto che creare confusione è meglio avere un attaccante in meno”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: