Atletico Madrid-Eibar | Mendilìbar: “Dopo il 2-0 ci siamo spenti. Sulla salvezza…”

Atletico Madrid-Eibar | Mendilìbar: “Dopo il 2-0 ci siamo spenti. Sulla salvezza…”. Sono alcune delle parole dell’allenatore dell’Eibar, José Luis Mendilìbar, dopo la netta sconfitta esterna per 5-0 al Wanda Metropolitano contro l’Atletico Madrid, capolista della Liga Santander 2020-2021. Il tecnico basco, nel post partita, ha espresso la sua delusione per questa brutta batosta dei suoi nonostante 40 minuti giocati con coraggio. Ecco di seguito le parole dello stesso Mendilìbar (report completo su MARCA):

“Los primeros 40 minutos fueron buenos, serios, no nos hicieron ocasiones y los goles fueron a la salida de un córner. Pensamos más en lo que recibimos que en lo que teníamos que hacer. Tras 2-0 ellos siguen compitiendo porque dejamos de dar la vara, es algo mental. Cuando nos hacen un gol bajamos los brazos, más que en otras ocasiones. El inicio del segundo tiempo fue muy malo y no hay nada que decir del resultado. Llevamos 14 jornadas sin ganar y resulta que llevamos bastante tiempo a cuatro puntos de la salvación. Significa que está en nuestras manos, pero haciendo las cosas bien o intentándolo. Pensando en salir al campo y que tenemos que mandar, que no nos van a regalar nada. Si tenemos la actitud de bajar los brazos y pensar más en lo recibido que en lo que queda, será difícil. El resultado espero que nos sirva para pensar que ha sido por una bajada mental tras el 1-0. Todo depende de nosotros. Es lo que tenemos que hacer, entrenar bien y competir bien”

“I primi 40 minuti sono stati buoni, seri, non hanno creato occasioni e i gol sono arrivati dagli angoli. Abbiamo pensato più a quello che abbiamo fatto che a quello che dovevamo fare. Dopo il 2-0 hanno continuato a giocare perché abbiamo smesso di attaccare, è una cosa mentale. Quando abbiamo subito un gol ci sono cadute le braccia, più che in altre occasioni. L’inizio del secondo tempo è stato pessimo e non c’è niente da dire sul risultato. Abbiamo passato 14 partite senza una vittoria e si scopre che siamo stati a quattro punti dalla salvezza per un bel po’ di tempo. Significa che è nelle nostre mani, ma fare le cose bene o provarci. Pensare di andare in campo e che dobbiamo avere il controllo, che non ci daranno niente gratis. Se abbiamo l’attitudine ad abbassare le braccia e a pensare più a quello che abbiamo ricevuto che a quello che resta, sarà difficile. Spero che il risultato ci aiuti a pensare che è stato un calo mentale dopo la sconfitta per 1-0. Tutto dipende da noi. Questo è quello che dobbiamo fare, allenarci bene e giocare bene”.