Barcellona-Getafe | Koeman: “Ottenuto un buon risultato. Su Mingueza…”

Barcellona-Getafe | Koeman: “Ottenuto un buon risultato. Su Mingueza…”. Sono alcune delle parole dell’allenatore del Barcellona, Ronald Koeman, dopo la vittoria interna per 5-2 al Camp Nou contro il Getafe, quindicesima forza della Liga Santander 2020-2021. Il tecnico blaugrana, nel post partita, ha espresso da una parte soddisfazione per il risultato ma dall’altra non ha risparmiato critiche ad alcuni suoi giocatori, su tutti Mingueza. Ecco di seguito le parole dello stesso Koeman riportate da MARCA:

“El partido? Es un buen resultado. La primera parte, muy bien. El equipo estuvo bien concentrado, con muchas oportunidades y buen juego. En la segunda, menos concentrado, bajamos ritmo de balón y nos complicamos con el 3-2. Es innecesario. Otra vez se demuestra que cuando bajamos ritmo y concentración nos pueden complicar el partido. Hay que aprender. Mingueza? Óscar se lesiona y dura demasiado para poder saber si puede seguir o si tiene que cambiar. Cuando Dest va a entrar, dice que puede seguir. Hay que aprender a tomar decisiones antes. Él y los médicos. Es mala suerte, pero estuvimos con uno menos. Bronca a Mingueza? Puede ser un poco exagerada mi postura con él. Está haciendo una gran temporada. Lo único que creo que tienen que aprender los jóvenes es que si juegas en el Barça hay que estar siempre metido en los partidos. Es complicado. Tampoco Pedri estuvo a su nivel. Tampoco Araujo. No ha sido por enfado el cambio, por meter a Frenkie en banda y darle minutos a Umtiti, que los merece. Piqué? El cambio estaba previsto. Estaba un poco cansado después de la final. El momento? No creo que seamos más fuertes que los otros tres equipos. Ellos están en buen momento, ganando sus partidos. Los cuatro tenemos partidos complicados y no creo que esta lucha se decida antes del último partido. Superliga? Como dije ayer, yo entreno a este club y no soy la persona que debe decidir el futuro de este club. Para eso hay un presidente, que buscará lo mejor para el club”

“La partita? È un buon risultato. Il primo tempo è stato molto buono. La squadra era molto concentrata, con molte occasioni e buone giocate. Nel secondo tempo, siamo stati meno concentrati, abbiamo rallentato il ritmo della palla e ci siamo messi in difficoltà con il 3-2. Non è necessario. Ancora una volta dimostra che quando perdiamo il ritmo e la concentrazione, possono renderci la partita difficile. Dobbiamo imparare. Mingueza? Óscar è infortunato e dura troppo a lungo per sapere se può continuare o se deve cambiare. Quando Dest entrerà, dice, che può continuare. Dobbiamo imparare a prendere decisioni prima. Lui e i medici. È una sfortuna, ma eravamo con uno in meno. Il rimprovero a Mingueza? Può essere un po’ esagerato il mio atteggiamento nei suoi confronti. Sta vivendo una grande stagione. L’unica cosa che penso che i giovani devono imparare è che se si gioca nel Barça deve sempre essere coinvolto nelle partite. È complicato. Neanche Pedri era al suo livello. Nemmeno Araujo lo era. Non è stato per rabbia, ma per mettere Frenkie all’ala e dare minuti a Umtiti, che li merita. Piqué? Il cambio era previsto. Era un po’ stanco dopo la finale. Il momento? Non credo che siamo più forti delle altre tre squadre. Sono in un buon momento e stanno vincendo le loro partite. Tutti e quattro abbiamo partite difficili e non credo che questa lotta sarà decisa prima dell’ultima partita. Superliga? Come ho detto ieri, io alleno questo club e non sono la persona che dovrebbe decidere il futuro di questo club. Per questo c’è un presidente, che cercherà il meglio per il club”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: