Biden ha celebrato il 2° anniversario il 6 gennaio assegnando 14 medaglie presidenziali

“Il ragazzo è duro”, ha detto. “So quanto sono orgoglioso per l’anniversario della morte di mio figlio Beau a causa delle fosse del fuoco in Iraq. Ma riporta tutto a come è successo in quel momento.

“Voglio ringraziarvi per avere il coraggio di essere qui oggi”, ha aggiunto.

Oltre agli agenti di polizia, il sig. Biden ha consegnato medaglie a cinque funzionari locali, ognuno dei quali si è rifiutato di eseguire gli ordini di coloro che hanno insistito sul fatto che le elezioni fossero truccate.

Due di loro – Ruby Freeman e sua figlia Shay Moss – hanno ricevuto premi per il loro lavoro come addetti ai sondaggi ad Atlanta, dove sono state maltrattate dai sostenitori di Trump che le hanno falsamente accusate di frode elettorale.

“Entrambi stavano facendo il loro lavoro e sono stati presi di mira e minacciati dagli stessi venditori ambulanti di menzogne ​​sediziose”, ha detto Mr. Biden ha detto. “Sono stati letteralmente costretti a lasciare le loro case e hanno affrontato odiosi insulti razzisti”.

Il signor Al Schmidt è anche un commissario cittadino nel consiglio elettorale della contea di Filadelfia nel 2020. Biden ha elogiato, sottolineando che “non si è piegato, non si è inchinato, non ha ceduto a minacce e pressioni politiche”. Ha elogiato il Segretario di Stato del Michigan Jocelyn Benson e il portavoce repubblicano dell’Arizona Rusty Bowers durante le elezioni del 2020. Tutti e tre hanno resistito alle pressioni di coloro che cercavano di invertire i risultati nel 2020.

Sig. Biden ha definito la signora Benson “un vero leader della nostra nazione” e il sig. Bowers ha detto che stava mostrando alla gente “cos’è l’integrità”.

READ  Fino a mercoledì è stato emesso un avviso di tempesta invernale per parti del nord del Texas, inclusa Dallas

Un anno fa, con gli eventi del 6 gennaio nel passato più recente, Mr. Biden ha espresso maggiore preoccupazione per il futuro della nazione, dicendo: “Mentre siamo qui oggi – un anno dal 6 gennaio 2021 – le bugie che hanno alimentato la rabbia e la follia che abbiamo visto in questo luogo non sono diminuite.

Ma venerdì è tornato alla convinzione che spesso caratterizza i suoi discorsi.

“Non siamo una nazione di re e dittatori, autocrati ed estremisti”, ha detto. “Come vediamo nei premiati di oggi, siamo una nazione e siamo un popolo che indurirà le nostre fibre, rinnoverà la nostra fede e rafforzerà il nostro scopo. Quando lavoriamo insieme, nulla è al di là delle nostre capacità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *