Brasile: i sostenitori di Bolsonaro rompono le barriere di sicurezza per entrare nel Congresso e nel palazzo presidenziale del Brasile.



Cnn

Domenica i sostenitori dell’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro hanno sfidato le barriere di sicurezza istituite dalle forze armate per ottenere l’accesso agli edifici chiave per i tre rami del governo, tra cui il palazzo del Congresso, la Corte Suprema e il palazzo presidenziale Planado. media brasiliani.

Il filmato ha mostrato una folla di persone nella capitale di Brasilia che camminava lungo un sentiero che portava all’edificio del Congresso, dove hanno raggiunto la Green Room, situata fuori dalla camera della camera bassa del Congresso, ha detto alla CNN Brasile il presidente del Senato ad interim Veneziano Vital do Roco.

Altri media hanno mostrato i sostenitori di Bolsonaro entrare nella Corte Suprema e nel palazzo presidenziale, dove la CNN Brasile ha mostrato l’arrivo della polizia antisommossa e delle forze armate brasiliane. All’interno, i manifestanti hanno usato mobili per costruire barricate per impedire l’ingresso della polizia, ha riferito CNN Brasile.

Secondo CNN Brasile, il pavimento dell’edificio del Congresso è stato allagato dopo che il sistema di irrigazione è stato attivato quando i manifestanti hanno cercato di dare fuoco al tappeto.

Altri video mostrano i manifestanti che prendono doni dalle delegazioni internazionali all’interno dell’edificio e distruggono opere d’arte.

Violazioni Una settimana dopo che il presidente Luiz Inacio Lula da Silva è entrato in carica, torna al potere dopo una pausa di 12 anni dopo aver sconfitto Bolsonaro in un ballottaggio il 30 ottobre.

L’amministrazione di Bolsonaro In precedenza ha affermato che avrebbe sostenuto la transizione del potereMa il leader di estrema destra ha smesso di riconoscere apertamente la sua sconfitta elettorale ed è fuggito dal paese per gli Stati Uniti prima dell’insediamento di Lula.

Da allora i sostenitori di Bolsonaro si sono accampati nella capitale. Sabato il ministro della Giustizia Flavio Dino ha autorizzato le forze armate a barricare e mettere in sicurezza l’edificio del Congresso mentre i sostenitori di Bolsonaro persistevano.

Entrambe le Camere del Congresso non sono attualmente in sessione. E mentre il presidente Lula non è attualmente nell’edificio, una squadra riunita per il neoeletto presidente stava lavorando all’interno del palazzo quando i manifestanti sono entrati, ha riferito la CNN Brasile. I funzionari del Palazzo Planaldo stanno aspettando che l’aviazione li evacui dall’edificio, ha riferito la CNN Brasile.

Il presidente Lula ha descritto gli eventi di domenica come “barbari” e ha definito “fascisti” i manifestanti di Bolsonaro che hanno distrutto gli edifici governativi.

“Queste sono le persone disgustose in politica, che invadono la sede del governo, la sede del Congresso e la sede della Corte Suprema, distruggendo tutto sul loro cammino come veri vandali”, ha detto Lula.

Lula ha detto che c’è “mancanza di sicurezza” e che “tutti coloro che hanno fatto questo saranno trovati e puniti”.

Il Presidente ha tenuto una conferenza stampa ad Araragwara, dove stava effettuando un sopralluogo nelle zone colpite da forti inondazioni.

Le autorità brasiliane hanno condannato le azioni dei manifestanti, ricordando il 6 gennaio 2021, quando i rivoltosi hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti nel tentativo di bloccare la certificazione delle elezioni del 2020 e la vittoria del presidente Joe Biden sull’ex presidente Donald Trump.

“Il Congresso nazionale non ha mai dato voce a chi vuole protestare pacificamente. Ma non cederà mai il passo a disordini, distruzioni e atti di vandalismo”, ha affermato il presidente della Camera bassa del Congresso Arthur Lira. Ha detto su Twitter. “I responsabili di incoraggiare e incoraggiare questo attacco alla democrazia brasiliana e ai suoi simboli principali devono essere identificati e puniti secondo la legge”.

Dic.  Un uomo sventola una bandiera brasiliana mentre i sostenitori dell'ex presidente Jair Bolsonaro protestano fuori dal Congresso nazionale a Brasilia, Brasile, l'8 aprile 2023.

L’ufficio del procuratore generale del Brasile (MPF) ha dichiarato in una dichiarazione che stava indagando su tutte le persone coinvolte nelle violazioni.

“Il procuratore generale della Repubblica, Augusto Aras, sta monitorando e seguendo con preoccupazione il vandalismo di edifici pubblici che si verificano a Brasilia questa domenica (8)”, ha detto il MPF.

Aras ha chiesto “all’Ufficio del procuratore generale del distretto federale (PRTF) di avviare immediatamente un processo di indagine penale volto a ritenere responsabili le persone coinvolte”.

Ore dopo la violazione, la polizia militare del distretto federale brasiliano (BMTF) ha dichiarato in una dichiarazione di aver iniziato a disperdere i manifestanti pro-Bolsonaro negli edifici.

Secondo il PMDF, le persone identificate come coinvolte in “vandalismo” vengono portate alla stazione di polizia.

Circa 30 manifestanti sono stati arrestati, la CNN Brasile ha trasmesso video che mostrano autobus di manifestanti arrestati.

Dino, che ha detto di essere stato al quartier generale del ministero della Giustizia, ha condannato le azioni dei sostenitori di Bolsonaro in una dichiarazione su Twitter, dicendo che “questo ridicolo tentativo di imporre un testamento non avrà successo”.

Allo stesso modo, il segretario alla sicurezza del distretto federale Anderson Torres – ed ex ministro della giustizia sotto il governo di Bolsonaro – ha definito le scene “deplorevoli” e ha ordinato “misure immediate per ristabilire l’ordine nel centro di Brasilia”.

Il leader laburista Gleisi Hoffman ha definito le violazioni “un crimine dichiarato contro la democrazia” e “contro la volontà del referendum”.

READ  Il primo ministro giapponese Biden e Kishida si incontrano per discutere del crescente potere della Cina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *