Celta Vigo-Athletic Bilbao | Marcelino: “Meritavamo qualcosa in più”

Celta Vigo-Athletic Bilbao | Marcelino: “Meritavamo qualcosa in più”. Lo ha dichiarato l’allenatore dell’Athletic Bilbao, Marcelino García Toral, dopo il pareggio esterno per 0-0 a Balaídos contro il Celta Vigo, nona forza della Liga Santander 2020-2021. Il tecnico basco, in conferenza stampa, ha sottolineato come la sua squadra avrebbe meritato qualcosa in più in termini di gioco visto lo sforzo e il gioco prodotto durante il corso dei novanta minuti contro una squadra pericolosa e di qualità come il Celta. Ecco di seguito le parole dello stesso Marcelino (qui la versione integrale):

“Il possibile rigore su Muniain all’ultimo minuto? Il risultato non credo possa considerarsi giusto. Credo che ci sia stato nei 90 minuti nel terreno di gioco un dominio di una squadra rispetto all’altra. Credo che abbiamo controllato la partita, mantenevamo la pressione alta quando potevamo, poi l’avversario ha portato molti giocatori in avanti con piedi buoni. In certi momenti abbiamo dovuto ripiegare e l’abbiamo fatto in modo molto efficace ma fuori casa contro una squadra dal potenziale offensivo come il Celta non permette di avere l’opportunità di tenere la porta inviolata. […] Nel complesso sono soddisfatto del rendimento dello sforzo, del lavoro e del gioco della squadra. Nel secondo tempo il campo era un po’ allentato e ne una ne l’altra squadra ha potuto fare transizioni offensive, era molto complicato”

“¿El posible penalti sobre Muniain en el último minuto? No creo que el resultado pueda considerarse justo. Creo que en los 90 minutos en el terreno hubo un dominio de un equipo sobre el otro. Creo que controlamos el partido, mantuvimos la presión cuando pudimos, luego el rival adelantó a muchos jugadores con buen pie. En ciertos momentos tuvimos que replegarnos y lo hicimos con mucha eficacia, pero fuera de casa, contra un equipo con potencial ofensivo como el Celta, no puedes tener la oportunidad de mantener la portería a cero. […] En general, estoy satisfecho con el rendimiento del esfuerzo, el trabajo y el juego del equipo. En la segundo tiempo el campo estaba un poco descuidado y ninguno de los dos equipos podía hacer transiciones ofensivas, era muy complicado.”