Coronavirus | Draghi: “Dal 26 aprile reintrodurremo le zone gialle”

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, ha illustrato nel pomeriggio odierno in conferenza stampa le nuove norme introdotte dal suo governo sull’emergenza Coronavirus (qui i dati della giornata di ieri) che saranno esecutive a partire dal prossimo 26 aprile. Tra le principali novità, c’è la reintroduzione delle zone gialle e una maggiore sensibilizzazione per quanto concerne le attività all’aperto e alle scuole. Ecco di seguito le parole del Premier sintetizzate da CalcioNews24:

«Sto per dirvi che si può guardare al futuro con prudente ottimismo. Vi diamo conto dei provvedimenti che sono stati presi e in corso di decisione. Sono essenzialmente tre blocchi. Uno riguarda le aperture, uno lo scostamento di bilancio, il terzo le opere che sono state messe in cantiere e alcune parole sulla loro evoluzione. Volevo solo rimarcare alcuni dati. Le decisioni di stamattina sostanzialmente anticipano al 26 di questo mese l’introduzione della zona gialla, ma introducono una novità nel senso che si dà una precedenza alle attività all’aperto, cioè alla ristorazione, a pranzo e a cena, ma all’aperto. E poi alle scuole: tutte riaprono in presenza in zona gialla e arancione, mentre in rosso ci sono modalità in parte in presenza e in parte a distanza. Ora passo la parola al ministro Speranza, ma voglio dire che con la decisione di oggi il governo ha preso un rischio. Un rischio fondato sui dati, che sono in miglioramento, anche se non in miglioramento drammatico. Questo rischio si fonda su una premessa: che quei provvedimenti che governano il comportamento nelle attività riaperte siano osservate scrupolosamente. Quindi mascherine e distanziamenti. Occorrerà una sensibilizzazione delle forze ordine perché questi comportamenti vengano osservati».