Crystal Palace-WBA | Allardyce: “Ci è mancato il giusto cinismo”

Crystal Palace-WBA | Allardyce: “Ci è mancato il giusto cinismo”. Lo ha dichiarato il manager del WBA, Sam Allardyce, ai microfoni di Sky Sports dopo la sconfitta esterna per 1-0 a Selhurst Park contro il Crystal Palace, neo undicesima forza della Premier League 2020-2021. Il manager dei Baggies, nell’intervista post partita, ha espresso il suo rammarico per questo risultato negativo nonostante la mole di occasioni create. Ecco qui di seguito le parole dello stesso Allardyce (riproduzione: bbc.com):

“You don’t fear the worst when you out-play the opposition and arrive in their area twice as many times. We had twice as many crosses and twice as many shots. But we had 12 shots and only one on target. That shows what our problems have been. We ended up losing to a penalty. I have no complaints about the penalty. I think it was a penalty. Left frustrated for the players’ efforts not being rewarded and that’s a consistent analysis from me. It was our lack of finishing in the end. Everybody will have a say or a talk or a chat about it, but at the end of the day you need a natural goalscorer. When you have one, he finds the way to be in the right areas and he doesn’t need more than one opportunity to score. I think lots of teams in the area that we are in find that’s their problem. That makes life very difficult for you. Everything about what we’re doing now – we’re defending superbly well and our football leading up to the final third is excellent. Our balls into the box maybe could be better but they are coming and the chances are there. We need more responsibility to not only score, but to hit them on target. When you keep missing the target that’s the most disappointing thing for me. There’s 27 points available and 20 needed. We can only really afford to drop seven points. It’s a massive mountain to climb for us. Everybody knows that.”

“Non si teme il peggio quando si supera l’avversario e si arriva nella sua area il doppio delle volte. Abbiamo avuto il doppio dei cross e il doppio dei tiri. Ma abbiamo avuto 12 tiri e solo uno sul bersaglio. Questo dimostra quali sono stati i nostri problemi. Alla fine abbiamo perso per un rigore. Non ho lamentele per il rigore. Penso che fosse un rigore. Lasciato frustrato per gli sforzi dei giocatori che non sono stati premiati e questa è un’analisi coerente da parte mia. Alla fine è stata la nostra mancanza di finalizzazione. Tutti avranno da dire o da parlare o da chiacchierare su questo, ma alla fine della giornata hai bisogno di un marcatore naturale. Quando ne hai uno, trova il modo di essere nelle zone giuste e non ha bisogno di più di un’opportunità per segnare. Penso che molte squadre nella zona in cui siamo noi trovino che questo sia il loro problema. Questo ti rende la vita molto difficile. Tutto quello che stiamo facendo ora – stiamo difendendo superbamente bene e il nostro calcio che porta al terzo finale è eccellente. I nostri palloni in area forse potrebbero essere migliori, ma stanno arrivando e le occasioni ci sono. Abbiamo bisogno di più responsabilità non solo per segnare, ma per colpire il bersaglio. Quando continui a mancare il bersaglio è la cosa più deludente per me. Ci sono 27 punti disponibili e 20 necessari. Possiamo davvero permetterci di perdere solo sette punti. È una montagna enorme da scalare per noi. Tutti lo sanno”.