fbpx

 Il tecnico parla dopo lo 0-0 con l’Osasuna

L’Eibar continua a fare fatica in questo inizio di Liga Santander. I baschi infatti ottengono solo un pareggio interno per 0-0 contro l’Osasuna in una partita molto combattuta. Ecco le parole post gara del tecnico José Luis Mendilìbar così come riportate da MARCA:

“Analisi della partita? Dopo aver visto la partita non so se sono a mio agio con il risultato. Loro sono stati più bravi di noi nel gioco, a volte siamo stati bravi, ma abbiamo avuto difficoltà a creare occasioni chiare. I portieri non si sono quasi mai fermati. Ci sono stati tiri e incroci, ma non ci sono state occasioni pericolose. Il risultato è giusto. Siamo stati la squadra che volevo, ma sono stati un po’ sopra di noi. Se non puoi fare quello che vuoi perché il tuo avversario sta bene, devi essere d’accordo con quello che è successo. Il risultato è importante, ma lo sono anche i sentimenti. Oggi il pareggio è buono, ma è vero che ci sono stati momenti in cui siamo stati dietro di loro, anche se hanno fatto molto bene. Le partite in casa a Ipurua? Abbiamo giocato quattro partite, due pareggi e due sconfitte. Senza persone sugli spalti non è così importante giocare in casa o in trasferta. Tutto è molto regolare, gli arbitri sono più tranquilli e penso che sia un tipo di calcio diverso e il vantaggio di giocare in casa scompare. Altri punti saranno aggiunti questa stagione in casa. Atienza? Il giallo l’ha preso per l’inesperienza. La velocità di gioco in Primera è diversa da quella a cui è abituato, ma ha imparato in fretta e non si è più fatto prendere. Ha giocato una buona partita, è stato attivo per aiutare i suoi compagni di squadra, con la palla è ancora più difficile per lui, ma sono contento di lui. Sensazioni? Non sono male perché abbiamo affrontato una squadra che è molto consapevole di come gioca e che ha fatto bene. Siamo stati in grado di fermarli, sono migliori di noi in questo momento, ma abbiamo avuto la possibilità di stare sopra di loro a volte e non lasciarli giocare comodamente. Pozo? Ha giocato tutta la partita in due posizioni. Alla fine gli è costato di più perché non abbiamo giocato così tanto sulla sua fascia. È stato bravo in difesa nel secondo tempo, ha poco fisico nell’uno contro uno ma è intelligente e poi in attacco ci regala le sue qualità. Bryan Gil? La mezz’ora che ha giocato è stata buona. Ha colpito il palo, ha fatto cross e falli e poi ci ha aiutato nelle zone difensive. È un giocatore diverso da quello che abbiamo noi e questo è importante”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: