Elche-Atletico Madrid | Simeone: “Vittoria importante in un momento decisivo della stagione”

Elche-Atletico Madrid | Simeone: “Vittoria importante in un momento decisivo della stagione”. Lo ha dichiarato l’allenatore dell’Atletico Madrid, Diego Pablo Simeone, dopo la vittoria esterna per 1-0 all’ Estadio Manuel Martínez Valero contro l’Elche, terzultima forza della Liga Santander 2020-2021. Il tecnico dei Colchoneros, in conferenza stampa, ha sottolineato come questa vittoria sia molto importante in questo momento decisivo del campionato. Ecco di seguito le parole dello stesso Simeone (fonte: MARCA):

“Valor de la victoria? Entramos en un espacio definitorio y cada victoria es importantísima. En el primer tiempo hicimos un gran primer tiempo, de los mejores últimamente y la victoria debió ser más amplia. No creo que empezamos mal en la segunda, pero luego el equipo ya no atacó tras los 15 minutos ante un rival que venía de resultados positivos. Apareció esa jugada a pelota parada que primero fue por arriba del travesaño, tuvo una Joao y vino el penal por una acción de Trippier que no era mano. Contento por el compromiso con el que jugaron e intención con la que entraron en el campo. Cambio de la imagen del equipo? Me quedo con las cosas positivas, las negativas suman poco y hubo muchas cosas positivas. Gran partido de Hermoso, Carrasco, Savic, partidazo de Kondogbia, Suárez volvió a jugar 86 minutos tras su lesión… Nos pone todo muy contento y nos generan entusiasmo. Favorito para LaLiga? No estamos en momento de pensar, estamos en momento de hacer. Defensa del Atlético? Siempre fue una de nuestras fortalezas y a partir de allí aprovechar el talento. El equipo en el primer tiempo y hasta el 75′ no sufrió, pero si no cierras el partido, sabemos lo que sucede con el 1-0, con ese peligro de que se te escapen esos puntos. Penalti del Elche? No es momento para pensar, es para trabajar, que los hechos se vean en el campo, que el equipo sea comprometido y lo que me imaginé y soñé se represente en cada partido. Pensamiento durante el penalti? Que lo atajaba e iba a salir todo de forma positiva. Tras el fallo, la alegría fue como un gol. Kondogbia? Una vez más me alegra el trabajo de jugadores que tienen la paciencia para trabajar y el fútbol te devuelve el esfuerzo. Kondogbia lo ven poco, pero siempre trabajó de la misma manera, entrenó con la ilusión de poder participar, mostrando que está disponible y cuando tuvo la oportunidad. Vértigo a ganar? No lo creo”.

“Il valore della vittoria? Siamo in un momento decisivo e ogni vittoria è molto importante. Nel primo tempo abbiamo giocato un grande primo tempo, uno dei nostri migliori ultimamente e la vittoria avrebbe dovuto essere più ampia. Non credo che abbiamo iniziato male nel secondo tempo, ma poi la squadra non ha attaccato dopo 15 minuti contro un avversario che veniva da un risultato positivo. C’è stato quel calcio piazzato che prima è andato sopra la traversa, Joao ne ha avuto uno e poi è arrivato il rigore per un’azione di Trippier che non era un fallo di mano. Sono contento dell’impegno e dell’intenzione con cui sono scesi in campo. L’immagine della squadra è cambiata? Terrò le cose positive, le cose negative non aggiungono molto e ci sono state molte cose positive. Grande partita di Hermoso, Carrasco, Savic, grande partita di Kondogbia, Suárez è tornato a giocare 86 minuti dopo il suo infortunio… Tutto ci rende molto felici e genera entusiasmo. Favoriti per LaLiga? Non siamo al momento di pensare, siamo al momento di fare. La difesa dell’Atletico? È sempre stato uno dei nostri punti di forza e da lì sfruttare il talento. La squadra nel primo tempo e fino al 75′ non ha sofferto, ma se non si chiude la partita, sappiamo cosa succede con l’1-0, con il pericolo di perdere quei punti. Rigore per Elche? Non è un tempo per pensare, è un tempo per lavorare, che i fatti si vedano in campo, che la squadra si impegni e che quello che ho immaginato e sognato sia rappresentato in ogni partita. Cosa ha pensato durante il rigore? Che l’ha salvato e che tutto sarebbe stato positivo. Dopo l’errore, la gioia era come un gol. Kondogbia? Ancora una volta sono contento del lavoro dei giocatori che hanno la pazienza di lavorare e il calcio ti restituisce lo sforzo. Kondogbia si è visto raramente, ma ha sempre lavorato allo stesso modo, si è allenato con la convinzione di poter giocare, dimostrando che è a disposizione nel momento in cui ha avuto l’opportunità. Hai le vertigini per vincere? Non credo.”