Everton-Tottenham | Mourinho: “Mi è piaciuta la reazione. Su Kane…”

Everton-Tottenham | Mourinho: “Mi è piaciuta la reazione. Su Kane…”. Sono alcune delle parole del manager del Tottenham, José Mourinho, ai microfoni di BBC Match Of The Day dopo il pareggio esterno per 2-2 a Goodison Park contro l’Everton, ottava forza della Premier League 2020-2021. Il manager degli Spurs, nel post partita, ha elogiato lo spirito e la reazione dei suoi nonostante siano stati due volte sotto nel punteggio e ha fatto anche il punto sull’infortunio occorso a Kane, autore di una doppietta in questa gara. Ecco di seguito le parole dello stesso Mourinho (riproduzione: bbc.com):

“The extent of Harry Kane’s injury? I dont know. That’s also a question I want an answer to as soon as possible but it’s too early. For him to come out it is not because it’s nothing, it’s something. The next match is Wednesday [against Southampton], the other is Sunday [in the Carabao Cup final v Manchester City], let’s see and let’s be positive. We all felt the same fears of something that stops him playing Wednesday and especially Sunday but we will see. You know how good he is, how important he is for us. The last two matches at home we drew 2-2 and he scored all four goals. If we don’t have Harry we will fight the same. Probably [a fair result]. I think we started dominating and pressing them high. We scored the goal, then their equaliser – I prefer not to comment. In the second half the game was tight and they scored with the first chance they had. It was a great reaction from us and the game was open. Until the end anything could happen. It was a good game, especially for the people at home. If was i surprised for Everton’s penalty? No. Because when the referee goes with such a firm decison I knew it. Normally VAR referees don’t like to go against the referee decision. They are friends, they don’t like to expose the mistakes. There is no point in complaining because the decision was made. We can complain but complain for what? In this country we are always told to leave the referees in peace”.

“L’entità dell’infortunio di Harry Kane? Non lo so. Anche questa è una domanda a cui voglio una risposta il più presto possibile, ma è troppo presto. Per lui di uscire non è perché non è nulla, è qualcosa. La prossima partita è mercoledì [contro il Southampton], l’altra è domenica [nella finale di Carabao Cup contro il Manchester City], vediamo e siamo positivi. Abbiamo sentito tutti le stesse paure di qualcosa che gli impedisce di giocare mercoledì e soprattutto domenica, ma vedremo. Sapete quanto è bravo, quanto è importante per noi. Le ultime due partite in casa abbiamo pareggiato 2-2 e lui ha segnato tutti e quattro i gol. Se non abbiamo Harry lotteremo lo stesso. Probabilmente [un risultato giusto]. Penso che abbiamo iniziato a dominare e a pressarli alti. Abbiamo segnato il gol, poi il loro pari – preferisco non commentare. Nel secondo tempo la partita è stata serrata e loro hanno segnato alla prima occasione che hanno avuto. È stata una grande reazione da parte nostra e la partita era aperta. Fino alla fine poteva succedere di tutto. È stata una bella partita, soprattutto per la gente di casa. Se sono rimasto sorpreso per il rigore dell’Everton? No. Perché quando l’arbitro va con una decisione così ferma si sa. Normalmente gli assistenti VAR non amano andare contro la decisione dell’arbitro. Sono amici, non gli piace esporre gli errori. Non ha senso lamentarsi perché la decisione è stata presa. Possiamo lamentarci, ma lamentarci per cosa? In questo paese ci dicono sempre di lasciare in pace gli arbitri”.