Gli aeroporti statunitensi tornano in vita dopo il crash del computer della FAA

WASHINGTON, 11 gennaio (Reuters) – I voli statunitensi iniziano a decollare lentamente. Tutti i voli in partenza dagli Stati Uniti sono stati messi a terra mentre la Federal Aviation Administration (FAA) si è affrettata a riparare l’interruzione del sistema durante la notte.

La causa del problema, che ha ritardato migliaia di voli negli Stati Uniti, non era chiara, ma i funzionari statunitensi hanno affermato di non aver finora trovato prove di un attacco informatico.

“Le normali operazioni del traffico aereo stanno gradualmente riprendendo negli Stati Uniti a seguito di un arresto notturno del sistema di notifica per i viaggi aerei che fornisce informazioni sulla sicurezza agli equipaggi di volo. L’arresto a terra è stato revocato. Continuiamo a indagare sulla causa del problema iniziale”, ha detto la FAA in un tweet.

Più di 4.300 voli sono stati ritardati e 700 sono stati cancellati poiché ci sono volute ore per riprendersi dall’incidente, hanno detto i funzionari.

La FAA aveva precedentemente ordinato alle compagnie aeree di sospendere tutte le partenze nazionali dopo il malfunzionamento del suo sistema di allarme pilota e la compagnia ha dovuto eseguire un hard reset intorno alle 2 del mattino, hanno detto i funzionari.

Le partenze dagli aeroporti di Newark e Atlanta riprenderanno alle 8:30, ha affermato la FAA.

La FAA dovrebbe implementare un programma di ritardo a terra per affrontare l’arretrato di voli che sono rimasti a terra per diverse ore. Gli aeromobili già in volo sono stati autorizzati a procedere verso le loro destinazioni durante la sosta a terra.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato al Dipartimento dei trasporti di indagare sull’interruzione e ha affermato che la causa del guasto è attualmente sconosciuta. Alla domanda se dietro l’interruzione ci fosse un attacco informatico, Biden ha detto ai giornalisti alla Casa Bianca: “Non lo sappiamo”.

READ  Le azioni salgono mentre gli investitori cercano di costruire un rally venerdì

Il segretario ai trasporti Pete Buttigieg ha promesso “un processo post-azione per determinare le cause alla radice e raccomandare i passi successivi”.

La FAA ha affermato che sta lavorando per ripristinare un avviso alle compagnie aeree che avverte dei rischi per i piloti e dei cambiamenti nelle strutture e nelle procedure aeroportuali che hanno interrotto l’elaborazione delle informazioni aggiornate.

Il sito web di monitoraggio dei voli FlightAware ha mostrato che un totale di 4.314 voli statunitensi sono stati ritardati alle 9:04 ET. Altri 737 sono stati cancellati.

È necessaria la modernizzazione

Lo United ha dichiarato di aver ripreso le operazioni. Tuttavia, il vettore con sede a Chicago ha avvertito che i clienti potrebbero continuare a vedere alcuni ritardi e cancellazioni.

Mercoledì le azioni dei vettori statunitensi sono diminuite nel trading pre-mercato. Compagnie aeree del Sud-ovest (LUV.N) Delta Air Lines Inc. è scesa del 2,4% (DAL.N)United Airlines (UAL.O) e American Airlines (AAL.O) In calo di circa l’1%.

“La rete di trasporto americana ha bisogno di aggiornamenti significativi… chiediamo ai responsabili politici federali di modernizzare la nostra infrastruttura critica per i viaggi aerei”. ha affermato Jeff Freeman, presidente e CEO dell’American Travel Association, un gruppo che rappresenta le compagnie aeree, gli hotel, le compagnie di autonoleggio e i parchi a tema statunitensi.

Il sistema della FAA si è bloccato settimane dopo che un crollo operativo a Southwest alla fine dell’anno scorso ha lasciato bloccati migliaia di passeggeri.

Una violenta tempesta invernale prima di Natale ha portato alla cancellazione di 16.000 voli il mese scorso, insieme alla tecnologia datata del vettore con sede in Texas.

L’agenzia madre della FAA, il DOT, ha aspramente criticato i fallimenti di Southwest e ha fatto pressioni sulla compagnia aerea per risarcire i passeggeri per i voli persi e altre spese correlate. Non vi è alcun obbligo di legge che la FAA risarcisca i passeggeri per i ritardi dei voli causati da problemi informatici dell’agenzia.

READ  Triple Handoff: in che modo i Wildcats finiranno la stagione regolare con il Kentucky che ha lottato finora?

Informazione essenziale

Un NOTAM è un annuncio che contiene informazioni essenziali per il personale relative alle operazioni di volo, ma non sufficientemente note in anticipo per essere pubblicizzate con altri mezzi.

Le informazioni per i voli internazionali a lungo raggio possono contenere fino a 200 pagine e possono includere chiusure di piste, avvisi di uccelli e restrizioni di costruzione.

United Airlines (UAL.O) Ha affermato di aver temporaneamente ritardato tutti i voli nazionali e rilascerà un aggiornamento quando saprà di più dalla FAA.

La tedesca Lufthansa e Air France hanno entrambe affermato che continueranno a operare voli da e per gli Stati Uniti, mentre la compagnia aerea francese ha dichiarato di monitorare la situazione.

L’operatore degli aeroporti internazionali di Parigi – l’aeroporto di Parigi Charles de Gaulle e l’aeroporto di Orly – prevede ritardi dei voli.

L’aeroporto internazionale di Austin-Bergstrom ha dichiarato su Twitter che le fermate a terra stavano causando ritardi in tutto il paese. Un ground stop è un’operazione di controllo del traffico aereo che rallenta o ferma un aeromobile in un dato aeroporto.

In un precedente avviso sul suo sito Web, la FAA ha affermato che il suo sistema NOTAM aveva “fallito”, sebbene i NOTAM emessi prima dell’interruzione fossero ancora visibili. All’inizio di questo mese, un problema con il sistema di controllo del computer di un’altra compagnia aerea ha ritardato dozzine di voli in Florida.

Un totale di 21.464 voli dovevano partire dagli aeroporti degli Stati Uniti mercoledì, trasportando quasi 2,9 milioni di passeggeri, hanno mostrato i dati di Cirium.

American Airlines ha il maggior numero di partenze dagli aeroporti statunitensi, con 4.819 voli programmati, seguita da Delta e Southwest, mostrano i dati Cirium.

READ  CES 2023: il pick-up elettrico Ram si unisce alla folla il prossimo anno

Reportage di Doina Siaku e David Shepherdson a Washington, Abhijit Ganapavaram a Bangalore, Jamie Freed a Sydney e Rajesh Kumar Singh a Chicago; Segnalazione aggiuntiva di Nathan Gomes e Steve Holland a Washington, scrittura di Shailesh Kubher e Alexander Smith Montaggio di Edmund Blair e Nick Zieminski

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *