Gli avvocati di FTX accusano Sam Bankman-Fried di “Twitter Attack”

Gli avvocati di FTX hanno accusato Sam Bankman-Fried di aver tentato di far deragliare il processo di bancarotta del suo impero crittografico con un “attacco via Twitter”.

Nelle ultime settimane, Bankman-Fried ha accusato Sullivan & Cromwell, lo studio legale che rappresenta FTX nei suoi procedimenti del Capitolo 11, in diversi tweet e post sul blog di averle fatto pressioni per costringere le società, incluso il braccio statunitense di FTX, al fallimento. Le affermazioni dell’ex miliardario sono state dissipate. La società ha negato tali affermazioni.

James Bromley, un partner di Sullivan e Cromwell, ha detto venerdì in un’udienza in tribunale che l’azienda stava “combattendo un demone” mentre cercava di affrontare le critiche pubbliche a Bankman-Fried. La sua quota Ha rappresentato FTX in bancarotta senza poterlo processare in tribunale.

“Una delle cose che i debitori devono affrontare in genere in questi casi è un attacco da Twitter”, ha affermato Bromley.

Il tribunale fallimentare ha preso in considerazione una richiesta di due clienti di FTX che cercavano di bloccare la nomina di Sullivan a causa di quelli che, secondo loro, erano conflitti di interesse creati dal lavoro passato dell’azienda per il gruppo crittografico.

Alla fine, il giudice ha rigettato l’istanza. “Non ci sono prove di un vero conflitto qui”, ha detto il giudice John Dorsey.

La decisione apre la strada a Sullivan per chiedere milioni di dollari in commissioni che rappresentano FTX mentre tenta di rimborsare i titolari di conti. Dorsey ha osservato che FTX ha assunto altri studi legali che potrebbero essere chiamati in caso di conflitti.

L’indagine e i commenti di Bromley indicano come il caso FTX di alto profilo e la tempesta sui social media che lo circonda potrebbero complicare gli sforzi per ristrutturare lo scambio di criptovalute e restituire il denaro dovuto a milioni di creditori.

READ  I futures sulle azioni sono aumentati mentre gli investitori guardano avanti al nuovo anno

Un altro ex insider di FTX, il suo principale avvocato Dan Friedberg, ha presentato nuove accuse contro Sullivan sui conflitti di interesse in un deposito giudiziario dell’ultimo minuto prima dell’udienza di giovedì. Il giudice ha descritto l’archiviazione come “interrogatorio, speculazione e sentito dire” e “non qualcosa a cui consentirei di essere ammesso come prova”.

All’inizio di questa settimana, Sullivan ha archiviato dozzine di pagine che descrivono in dettaglio il lavoro legale di quasi 10 milioni di dollari che ha svolto per le società di Bankman-Fried prima che entrasse in bancarotta lo scorso anno. Entrambi gli ex avvocati Sullivan hanno ricoperto posizioni legali senior presso FTX.

Bromley ha dichiarato venerdì che la società avrebbe dovuto essere più disponibile fin dall’inizio nel rivelare l’entità dei suoi legami passati con il gruppo crittografico fallito. “In retrospettiva, Vostro Onore, avremmo dovuto andare oltre nella notifica originale”, ha detto alla corte.

Ha aggiunto che Bankman-Fried, che si è dichiarato non colpevole delle accuse di frode negli Stati Uniti, e altri addetti ai lavori che “hanno messo in ginocchio la società” erano preoccupati per le informazioni che Sullivan avrebbe fornito ai pubblici ministeri e alle autorità di regolamentazione.

“Possono lanciare pietre contro l’avvocato dei debitori che fornisce informazioni agli avvocati”, ha detto.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti si è opposto alla divulgazione iniziale da parte della società del suo lavoro per FTX e ha insistito per ulteriori informazioni. Venerdì i pubblici ministeri del governo si sono detti soddisfatti degli ulteriori dettagli forniti da Sullivan.

Sullivan e Bankman-Fried hanno rifiutato di commentare.

READ  Gli alleati occidentali differiscono sui jet per l'Ucraina, la Russia rivendica guadagni

Separatamente venerdì, i pubblici ministeri statunitensi hanno confermato di aver sequestrato circa $ 700 milioni di contanti e azioni da Bankman-Fried, inclusi $ 500 milioni di azioni nella piattaforma di trading Robinhood.

Il pull, descritto in un deposito giudiziario, ha coinvolto anche fondi in tre conti presso l’exchange di criptovalute Binance, i cui valori non sono stati resi noti.

I sequestri sono avvenuti nelle ultime settimane mentre Bankman-Fried era agli arresti domiciliari in California dopo essere stato rilasciato con una cauzione di 250 milioni di dollari, ha rivelato il governo. Affronta otto accuse penali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *