Gli Stati Uniti richiedono test Covid negativi per i viaggiatori provenienti dalla Cina

L’amministrazione Biden ha annunciato mercoledì che i viaggiatori provenienti da Cina, Hong Kong e Macao dovranno presentare test Covid-19 negativi prima di entrare negli Stati Uniti, una mossa che secondo lui rallenterà la diffusione del coronavirus. Questo requisito è in vigore dal 5 gennaio.

L’annuncio dei Centers for Disease Control and Prevention è arrivato tra le crescenti preoccupazioni per un’ondata di casi in Cina e la mancanza di trasparenza del paese sull’epidemia.

Il requisito del test si applica ai viaggiatori aerei indipendentemente dalla loro nazionalità e stato di vaccinazione, hanno affermato i funzionari del CDC. Questo vale per i viaggiatori provenienti dalla Cina che entrano negli Stati Uniti attraverso un paese terzo e verso altre destinazioni attraverso gli Stati Uniti. Italia e Giappone hanno già imposto restrizioni simili.

Ma il presidente Donald J. Come hanno fatto quando Trump ha imposto limiti di viaggio per la pandemia, alcuni esperti si chiedono se il requisito dei test servirà a qualcosa, specialmente con l’aumento dei casi negli Stati Uniti nordorientali. Il trend statunitense è trainato da una sottovariante Omicron a diffusione particolarmente rapida: XBB, che si sta diffondendo più rapidamente della sua controparte a Pechino.

“Capisco perché debba essere fatto politicamente, ma la linea di fondo è che è un falso senso di sicurezza che stiamo effettivamente rallentando la diffusione”, ha detto Michael D. ha affermato Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy. Università del Minnesota.

L’epidemia di Covid in Cina è peggiorata negli ultimi giorni, con segnalazioni dei governi locali Centinaia di migliaia di contagi al giorno. Video ottenuti dal programma del New York Times I pazienti malati stanno affollando i locali dell’ospedale. Ma è difficile monitorare la situazione in tempo reale a causa della Cina Trusted non pubblica dati covid.

READ  Punteggio Eagles vs. Giants, takeaway: Jalen fa male, la difesa domina mentre Philadelphia si dirige verso il gioco del titolo NFC

Dopo tre anni di insistenza sulla politica “Zero Covid”, la Cina l’ha creata Una svolta improvvisa Ha abolito la politica all’inizio di dicembre dopo che le proteste di massa per i blocchi hanno minacciato il Partito Comunista al potere. Da allora, c’è stata un’esplosione di casi a Pechino.

Scienziati a Hong Kong hanno riferito che la sottovariante omicron Conosciuto come BF.7 per l’esplosione di Pechino. Quella variante è una sottoserie del BA.5, che fino a poco tempo fa dominava gli Stati Uniti. Ma il BF.7, sebbene sia negli Stati Uniti da diversi mesi, non mostra segni di competizione qui con le altre versioni di Omicron.

Il CDC stima che BF.7 fosse del 4% alla fine di dicembre, ed è stato basso da novembre. Altri sottotipi di Omicron, tra cui XBB, che gli scienziati ritengono siano più abili nell’eludere le risposte immunitarie esistenti, sono ora più comuni negli Stati Uniti.

Gli scienziati affermano che, almeno per ora, la variante alla base dell’epidemia in Cina non è necessariamente quella che ignora nel modo più efficace le risposte immunitarie. Poiché pochissime persone in Cina sono state infettate da versioni di Omicron, è probabile che uno dei sottotipi di Omicron più infettivi che ha recentemente fatto il giro del mondo stia andando lì.

In una popolazione come la Cina che ha pochissima immunità alle infezioni, la variante dominante non è necessariamente la migliore per aggirare quelle risposte immunitarie, ma semplicemente quella che divampa.

“In un certo senso, tutto ciò che è decollato per primo dominerà lì”, ha affermato James Wood, esperto di malattie infettive presso l’Università del New South Wales a Sydney.

READ  Gli avvocati di FTX accusano Sam Bankman-Fried di "Twitter Attack"

Negli Stati Uniti, il CDC ha stimato che il sottotipo XBB è cresciuto fino a quasi un quinto degli americani la scorsa settimana, rispetto al solo 3% del mese precedente.

XBB si sta diffondendo particolarmente rapidamente negli Stati Uniti nordorientali, hanno affermato gli scienziati, rappresentando oltre la metà delle nuove infezioni. Sembra avere un vantaggio rispetto alle sottovarianti BQ.1 Omicron che hanno recentemente dominato gli Stati Uniti, hanno detto gli scienziati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *