Hellas Verona, Barak: “Per me l’Italia non è una squadra che può vincere l’Europeo”

Il centrocampista dell’Hellas Verona, Antonin Barak, è stato intervistato questa mattina dalle colonne del quotidiano Il Corriere Della Sera. Il numero 7 gialloblu ha affrontato diversi temi tra cui Euro2020 e le sue prospettive per il futuro. Ecco di seguito le parole dello stesso Barak riprese da CalcioNews24:

“L’Italia? Le aspettative sono alte ed è anche giusto così, ma per me l’Italia non è una squadra che può vincere l’Europeo. Francia, Belgio e anche Inghilterra sono più forti. I big azzurri? Insigne ha fatto un grandissimo campionato: in pochi hanno i suoi numeri. E poi Verratti. Mancini fa bene ad aspettare che guarisca: l’Italia non ha un altro come lui. Le aspettative sulla Repubblica Ceca? Stiamo molto bene. Abbiamo creato una squadra che può essere molto pericolosa per chiunque. Abbiamo giocatori di qualità a cominciare da Schick e giovani con un grande futuro. Abbiamo grande fame e siamo un bel gruppo: è la nostra forza. Girone non facile? È fondamentale partire bene: se battiamo gli scozzesi passiamo al 99%. Per le altre non sarà facile batterci e con gli inglesi abbiamo già vinto. L’obiettivo minimo sono i quarti. La sconfitta contro il Galles? Una partita sbagliata, l’Italia deve batterlo per forza. Nedved? Non c ’entra quasi più niente con il calcio ceco. Vediamo se torna o resta in Italia: sono curioso. Un sogno? Il più alto possibile: giocare un Mondiale e l’Europeo fare grandi risultati con la Nazionale, giocare in una squadra che lotta per l’Europa e per lo scudetto”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: