fbpx

Il portiere gialloblu parla a Sky Sport

Il portiere dell’Hellas Verona, Marco Silvestri, parla a Sky Sport della sua chiamata in Nazionale e di alcuni colleghi quotati come Donnarumma e Handanovic. Ecco le sue dichiarazioni riportate da TMW:

 “Il miglior portiere per porta inviolata dai tempi di Garella? Meno occasioni hanno gli avversari e più facile fare un clean sheet. Se l’occasione è clamorosa è più facile prendere gol, ma se i compagni ti aiutano, per un portiere è più facile tenere la porta inviolata. Perché in Nazionale così tardi? La mia carriera è stata un po’ particolare perché sono andato in Inghilterra da giovane. Sono tornato dopo due anni ma ho fatto il secondo tutto l’anno. Poi sono riparto dalla B e siamo venuti su. Non so se ho sbagliato ad andare all’estero. Forse non ero pronto in precedenza per la Serie A e dunque per la Nazionale. Cosa ruberei a Donnarumma? È un portiere eccezionale. È un ’99 e la gente se lo dimentica spesso. Ha una serenità quando va in campo e quando si allena. È stato piacevole allenarmi con lui in nazionale. È molto serio e in campo sembra che giochi da 20 anni. È forte in tutto. La mia fede calcistica? Sono cresciuto milanista. La chiamata di Mancini svelata da mia moglie? È stato un bel momento e me lo ricorderò per sempre. Tutti aspettavano e sognavamo questa chiamata da sempre. Cosa ruberei ad Handanovic? Portiere straordinario. Può aver avuto un piccolo calo ma penso che sia uno di quei portieri da cui prendere spunto in ogni cosa faccia. Una cosa che gli chiesi l’anno scorso quando giocammo contro era a proposito della sua serenità con i piedi. Lui mi ha detto che con lavoro si lavora in tutto, anche con i piedi. Se Juric mi chiede di migliorare coi piedi? Il mister pensa che noi non dobbiamo rischiare. Se regaliamo un gol con un errore clamoroso di un portiere o un difensore, dopo è dura da riprendere. Sono errori che si possono permettere squadre come Juve e Inter che attaccano in tutta la partita. Noi non possiamo mai regalare un gol agli avversari. Le cose si mettono male ed è difficile recuperarli per noi. Migliore portiere della A? Donnarumma. Io giocatore più corretto dell’Hellas per i tifosi? Quando una città intera ti apprezza e non solo per quello che fai in campo, non può far altro che farmi piacere. Sono contento che mi vogliano bene al di là di ciò che faccio in campo”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: