I repubblicani vogliono i record dei visitatori a casa di Biden, ma non quelli di Trump

WASHINGTON, 15 gennaio (Reuters) – Il presidente repubblicano della House Oversight Committee domenica ha richiesto i registri dei visitatori a casa del presidente Joe Biden dopo che documenti riservati sono stati trovati nel suo ufficio e garage a Wilmington, nel Delaware.

In una lettera al capo dello staff della Casa Bianca Ron Klein datata domenica, il rappresentante James Comer ha dichiarato: “Senza un elenco di persone che hanno visitato la sua residenza, il popolo americano non saprebbe mai chi ha avuto accesso a questi documenti molto importanti.

I repubblicani hanno cercato di confrontare il caso dei documenti Biden, che include contenuti del suo periodo come vicepresidente, con l’ex presidente Donald Trump, che deve affrontare un’indagine penale federale su come ha gestito i documenti riservati dopo aver lasciato la Casa Bianca nel 2021. Gli esperti legali affermano che ci sono forti contraddizioni tra i due casi.

Comer ha detto che non cercherà i registri dei visitatori per la casa di Trump a Mar-a-Lago, dove più di 100 documenti classificati – alcuni dei quali designati come top secret – sono stati trovati in una ricerca dell’FBI.

“Non credo che dovremmo passare tutto il tempo perché i Democratici lo hanno fatto negli ultimi sei anni”, ha detto domenica alla CNN in un’intervista.

Trump ha annunciato che si candiderà nuovamente alla presidenza nel 2024, con Biden che dovrebbe essere lo sfidante democratico.

Le rivelazioni di Biden sono emerse la scorsa settimana dopo che il suo team legale ha affermato di aver trovato documenti riservati relativi al suo periodo come vicepresidente nell’amministrazione Obama nella sua casa nel Delaware. I suoi avvocati hanno detto sabato che aveva cinque pagine in più a casa sua.

READ  Kaley Cuoco, Kay Hui Kwan e altre star

I circa 10 documenti trovati nel think tank del Ben Biden Center includono alcune informazioni altamente riservate, ha riferito la CBS domenica, citando una fonte non identificata delle forze dell’ordine. La Casa Bianca non ha commentato il rapporto. Un rappresentante dell’avvocato personale di Biden, Bob Bauer, non ha restituito una richiesta di commento.

Non vi è alcun obbligo legale che i presidenti degli Stati Uniti esibiscano un pubblico a casa loro o alla Casa Bianca. L’amministrazione Biden ha recuperato le rivelazioni degli ospiti ufficiali alla Casa Bianca e ha pubblicato il suo primo lotto di documenti nel maggio 2021. L’ex presidente Donald Trump ha posto fine alla pratica poco dopo essere entrato in carica nel 2017.

TRUMP CONTRO. Problemi con il documento Biden

Venerdì i repubblicani alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti hanno avviato un’indagine sulla gestione da parte del Dipartimento di giustizia di documenti classificati conservati in modo improprio detenuti da Biden. Anche la Commissione per il Commercio sta esaminando il caso.

L’indagine arriva mentre Trump è sotto indagine penale federale per aver gestito male documenti classificati dopo essere entrato in carica.

Nel caso Biden, gli avvocati del presidente hanno notificato agli Archivi Nazionali e al Dipartimento di Giustizia la scoperta di un piccolo numero di documenti in un think tank a Washington e successivamente a casa di Biden a Wilmington.

Nel caso Trump, i National Archives hanno trascorso più di un anno cercando, senza successo, di recuperare tutti i documenti conservati di Trump dopo che ha lasciato l’incarico. Quando Trump ha finalmente restituito le 15 scatole di documenti nel gennaio 2022, i funzionari degli archivi hanno scoperto che contenevano materiale classificato.

READ  Prima sulla CNN: documenti riservati trovati a casa di Pence nell'Indiana

Dopo che la questione è stata deferita al Dipartimento di Giustizia, gli avvocati di Trump hanno consegnato ulteriori oggetti dalla casa di Trump a Mar-a-Lago e hanno affermato che non c’erano documenti nei locali.

Si è rivelato falso. Alla fine, l’FBI ha recuperato 13.000 documenti dalla tenuta, di cui circa 100 classificati.

House Democrats ha introdotto il “Mar-a-Lago Act” nel 2017, che avrebbe richiesto a Trump di rivelare regolarmente i visitatori nella sua casa in Florida, ma non è stato votato alla Camera o al Congresso al completo.

Il rappresentante Adam Schiff, presidente uscente della House Intelligence Committee, ha affermato che il Congresso dovrebbe chiedere una valutazione alla comunità dell’intelligence statunitense sul fatto che eventuali documenti di Trump o Biden possano influire sulla sicurezza nazionale.

“Non credo che possiamo escludere la possibilità senza conoscere più fatti”, ha detto Schiff su “This Week” della ABC.

Relazione di Doina Chiaku; Montaggio di Heather Timmons e Lisa Shumaker

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *