L’economia globale entrerà in recessione entro il 2023, afferma il ricercatore

I risultati sono più pessimisti rispetto alle ultime previsioni del Fondo monetario internazionale.

Secondo il Center for Economic and Business Research, il mondo dovrà affrontare una recessione entro il 2023.
L’economia globale supererà per la prima volta i 100 trilioni di dollari nel 2022, ma ristagnerà nel 2023 mentre i politici continueranno a combattere l’aumento dei prezzi, ha affermato la società di consulenza britannica nel suo tavolo annuale della World Economic League.

“L’economia globale affronterà una recessione il prossimo anno a causa dell’aumento dei tassi di interesse in risposta all’elevata inflazione”, ha dichiarato Kay Daniel Neufeld, direttore e responsabile delle previsioni al CEBR.

Il rapporto aggiungeva: “La guerra contro l’inflazione non è ancora vinta. Prevediamo che i banchieri centrali manterranno le loro armi nel 2023 nonostante i costi economici. Il costo per portare l’inflazione a un livello più confortevole è una cupa prospettiva di crescita per molti anni a venire .”

I risultati sono più pessimisti rispetto alle ultime previsioni del Fondo monetario internazionale. A ottobre l’agenzia ha avvertito che l’economia globale si sarebbe ridotta di un terzo e c’era una probabilità del 25% che il PIL globale crescesse di meno del 2% nel 2023, definendola una recessione globale.

Anche così, entro il 2037, il PIL globale raddoppierà man mano che le economie in via di sviluppo raggiungeranno i paesi ricchi. Il mutato rapporto di forza vedrà l’Asia orientale e la regione del Pacifico rappresentare un terzo della produzione mondiale entro il 2037, mentre la quota dell’Europa si ridurrà a meno di un quinto.

Il CEBR prende i suoi dati di base dal World Economic Outlook del FMI e utilizza un modello interno per prevedere crescita, inflazione e tassi di cambio.

READ  Alan Weiselberg, ex Trump Organization. 5 mesi di reclusione per il CFO

La Cina ora non supererà gli Stati Uniti come la più grande economia del mondo fino al 2036, sei anni dopo il previsto. Ciò riflette la politica zero-covid della Cina e le crescenti tensioni commerciali con l’Occidente hanno rallentato la sua espansione.

Il CEBR aveva originariamente anticipato la transizione nel 2028, che è stata rinviata al 2030 nella classifica lo scorso anno. Ora pensa che il punto di passaggio non avverrà fino al 2036, e potrebbe arrivare anche più tardi se Pechino tenterà di prendere il controllo di Taiwan e affrontare sanzioni commerciali di ritorsione.

“Le conseguenze di una guerra economica tra Cina e Occidente saranno molte volte maggiori di quelle che abbiamo visto dopo l’attacco della Russia all’Ucraina. Ci sarà sicuramente una forte recessione globale e un rimbalzo dell’inflazione”, ha affermato il CEBR.

“Ma il danno per la Cina sarà molte volte maggiore e potrebbe sopraffare qualsiasi tentativo di guidare l’economia mondiale”.

Prevede inoltre:

L’India diventerà la terza più grande economia da $ 10 trilioni entro il 2035 e la terza più grande economia del mondo entro il 2032

Nei prossimi 15 anni il Regno Unito sarà la sesta economia mondiale e la Francia la settima, ma “a causa della mancanza di politiche orientate alla crescita e della mancanza di una chiara visione del suo ruolo, la Gran Bretagna non crescerà più più velocemente di altri paesi europei . Al di fuori dell’UE.”

Le economie emergenti con risorse naturali riceveranno una “spinta significativa” poiché i combustibili fossili svolgono un ruolo chiave nella transizione verso le energie rinnovabili.

L’economia globale è lontana dagli 80.000 dollari di PIL pro capite a cui le emissioni di carbonio sono disaccoppiate dalla crescita, il che significa che sono necessari ulteriori interventi politici per raggiungere l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali.

READ  I pubblici ministeri di Manhattan inizieranno a presentare il caso Trump a un gran giurì

(A parte il titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Video in primo piano della giornata

Rahul Gandhi ha reso omaggio all’ex primo ministro Rajiv Gandhi a Veera Bhoomi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *