La notizia è stata annunciata pochi minuti fa dal quotidiano ‘AS’

Dopo il mancato accordo nella giornata di ieri riguardante il taglio agli stipendi dei giocatori, l’RFEF (ovvero la Federazione Spagnola di calcio) e l’AFE (ovvero l’organo che rappresenta i calciatori che giocano nei campionati spagnoli), secondo quanto riportato dal quotidiano ‘AS’ nella sua versione online, sono giunti ad un accordo sulle modalità di disputa delle partite laddove i tornei dovessero riprendere regolarmente.

A quanto si apprende, le partite rimaste si disputeranno ogni 72 ore l’una dall’altra (rifiutata invece la proposta iniziale di 48 ore). Le squadre avranno a disposizione una pausa per tempo regolamentare per il cosiddetto ‘cooling break’, affinché i giocatori possano dissetarsi. Le suddette gare – riferisce sempre ‘AS’ – dovrebbero disputarsi a porte chiuse.