Lione-Lorient | Pélissier: “Grande differenza tra le due squadre”

Lione-Lorient | Pélissier: “Grande differenza tra le due squadre”. È il commento diretto e senza troppi giri di parole dell’allenatore del Lorient, Christophe Pélissier, dopo la sconfitta esterna per 4-1 al Parc Olympique Lyonnais contro l’Olympique Lione, terza forza della Ligue 1 2020-2021. Il tecnico degli arancio neri, nel post partita, ha affermato con chiarezza come gli avversari siano stati per qualità e talento decisamente superiori rispetto alla sua squadra. Ecco di seguito le parole dello stesso Pélissier (fonte: L’Equipe):

“Il n’y a pas de regrets sur le score par rapport à la différence entre les deux équipes. Sur la première période, nous avons contenu Lyon en faisant beaucoup d’efforts. En seconde période, le talent et la supériorité de l’OL ont parlé et après l’ouverture du score c’est difficile aussi bien dans les têtes que sur le plan athlétique. Il aurait fallu ouvrir le score sur l’occasion de Yoane Wissa. Une fois que l’on est mené au score, le talent parle. Sur le penalty, le gardien n’a rien le droit de faire alors que le tireur peut arrêter sa course (sur le premier but de Guimaraes). C’est compliqué mais on est habitué. Paul Nardi a livré un très bon match et il n’est pas récompensé sur ce penalty donné à retirer. Il va amener sa fraîcheur sur la fin de saison. Nous savions que sur les trois derniers matches nous aurions droit à un joker qui a donc été utilisé. Au classement, nous pouvons encore rattraper Bordeaux qui est situé un point devant nous. Nous avons encore un point d’avance sur Nantes et nous conservons notre destin entre nos mains. Il faut bien récupérer, le match est passé et il faut regarder devant.”

“Non ci sono rimpianti per il punteggio rispetto alla differenza tra le due squadre. Nel primo tempo, abbiamo contenuto il Lione con molto sforzo. Nel secondo tempo, il talento e la superiorità dell’OL hanno parlato da soli e dopo il gol iniziale è stato difficile sia a livello di testa che a livello atletico. Avremmo dovuto aprire il punteggio sull’occasione di Yoane Wissa. Una volta che sei dietro nel punteggio, il talento parla da solo. Sulla punizione, il portiere non ha il diritto di fare nulla mentre il tiratore può fermare la sua corsa (sul primo gol di Guimarães). È complicato, ma ci siamo abituati. Paul Nardi ha giocato un’ottima partita e non viene premiato per questa penalità. Porterà la sua freschezza alla fine della stagione. Sapevamo che nelle ultime tre partite avremmo avuto un jolly, quindi lo abbiamo usato. In classifica, possiamo ancora raggiungere il Bordeaux che è un punto davanti a noi. Siamo ancora un punto avanti al Nantes e teniamo il nostro destino nelle nostre mani. Dobbiamo recuperare bene, la partita è finita e dobbiamo guardare avanti”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: