Metz-Lille | Galtier: “Vittoria sofferta. Sulla lotta per il titolo…”

Metz-Lille | Galtier: “Vittoria sofferta. Sulla lotta per il titolo…”. Sono alcune delle parole dell’allenatore del Lille, Christophe Galtier, ai microfoni di Canal Plus dopo la vittoria esterna per 2-0 allo Stade Municipal Saint-Symphorien contro il Metz, decima forza della Ligue 1 2020-2021. Il tecnico, nel post partita, ha evidenziato come questa partita sia stata molto sofferta per i suoi ragazzi, che però sono riusciti a portare a casa 3 punti pesantissimi. Ecco di seguito le parole dello stesso Galtier (fonte: l’Equipe):

“On a beaucoup souffert, on est tombé face à une très bonne équipe de Metz. On a eu des débuts de périodes très difficiles parce que Metz a mis beaucoup de rythme et d’intensité. Il a fallu un Mike (Maignan) décisif pour nous laisser dans le match. Si on avait été mené, ça aurait été plus compliqué. On s’est précipité dans transmissions, on a eu beaucoup de déchet technique. Quand ça s’est plus ouvert, on a été plus à l’aise. Metz nous a vraiment mis sur le reculoire à certains moments. Il a fallu avoir de la réussite et se battre jusqu’au bout. On avait un calendrier difficile, qui était devenu très difficile avec la contre-performance contre Nîmes (défaite 1-2, le 21 mars). Je ne sais pas quand on se bat pour le podium si on arrive à rattraper des points perdus, mais on a réussi à faire le plein. Le titre ? C’est encore loin. Et après les matches de samedi et dimanche, ce sera encore loin. Ce soir, on est sur d’être européen, l’objectif est atteint. On va se battre maintenant pour le podium. Avec un classement très serré, on peut se battre pour quelque chose d’exceptionnel. Que les joueurs continuent comme ça lors des six derniers matches. Je veux de la détermination et de la motivation, mais il ne faut pas que l’enjeu nous crispe. Il a fallu avoir un bon état d’esprit pour l’emporter ce soir. Cette position doit nous porter. Elle nous porte. […] Je suis heureux d’être l’entraîneur de cette équipe-là”.

“Abbiamo sofferto molto, siamo calati contro un’ottima squadra come il Metz. Abbiamo avuto un inizio molto difficile perché Metz ha messo molto ritmo e intensità nel gioco. C’è voluto un grande Mike (Maignan) per tenerci in partita. Se fossimo andati sotto, sarebbe stato più complicato. Ci siamo affrettati con la palla e abbiamo fatto molti errori tecnici. Quando la partita si è aperta, eravamo più a nostro agio. Il Metz ci ha davvero messo in difficoltà a volte. Dovevamo avere successo e lottare fino alla fine. Avevamo un calendario difficile, che è diventato molto difficile con la sconfitta contro il Nimes (1-2, 21 marzo). Non so se quando saremo in lotta per il podio riusciremo a recuperare i punti persi, ma siamo riusciti a recuperare. Il titolo? È ancora molto lontano. E dopo le partite di sabato e domenica, è ancora molto lontano. Stasera, siamo sicuri di essere in Europa, l’obiettivo è stato raggiunto. Ora lotteremo per il podio. Con una classifica molto stretta, possiamo lottare per qualcosa di eccezionale. Voglio che i giocatori continuino così nelle ultime sei partite. Voglio determinazione e motivazione, ma non dobbiamo lasciare che la posta in gioco ci renda nervosi. Dovevamo essere nello stato d’animo giusto per vincere stasera. Questa posizione deve guidarci. Ci trasporta. Sono felice di essere l’allenatore di questa squadra.