Milan, Dalot: “Futuro? È stato un vero piacere giocare qui ma ora penso all’Europeo”

Il laterale portoghese del Milan – ma di proprietà del Manchester United – Diogo Dalot ha parlato stamani dalle colonne del quotidiano La Gazzetta Dello Sport. L’attuale numero 5 rossonero ha parlato della stagione appena conclusasi, del suo futuro e di Euro 2020. Ecco di seguito alcuni passaggi delle sue dichiarazioni riprese da TMW:

“Mi piace diventare sempre più completo. Gli italiani adorano il calcio, ne parlano sempre e essere parte di questa cultura è stata un’esperienza fantastica. E sul campo sento di essere migliorato molto tatticamente. Alcuni aspetti difensivi li ho imparati qui ed è stato fantastico sviluppare anche queste qualità. Ma non solo: in attacco come andare in pressione alta, il recupero palla il prima possibile… Tutto molto utile. E poi “stringi”, “scappa”. Ho imparato molte parole e molti concetti nuovi. La stagione con Pioli allenatore? Mi ha insegnato che la squadra deve essere concentrata per tutti i novanta minuti e consapevole di ogni singolo aspetto della partita, di ciò che sta succedendo. E la convinzione che tutto quello che prepari in allenamento lo ritroverai in partita, che andrà esattamente così. Il nostro obiettivo fin dall’inizio era la Champions. Vero che a un certo punto abbiamo pensato pure allo scudetto, ma l’importante era entrare in Champions. E siamo molto felici di esserci riusciti. La cosa peggiore della stagione? Giocare senza tifosi. Prima del derby e prima dell’Atalanta, a Milanello abbiamo avuto un assaggio di quel che ci possono dare. San Siro pieno è una cosa dell’altro mondo. Futuro? Dico che ho passato un anno fantastico e ho incontrato bellissima gente. È stato un vero piacere giocare nel Milan ma ora penso all’Europeo e davvero non so cosa succederà”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: