Osasuna-Eibar | Mendilìbar: “Dobbiamo mantenere i nervi saldi”

Osasuna-Eibar | Mendilìbar: “Dobbiamo mantenere i nervi saldi”. Lo ha dichiarato l’allenatore dell’Eibar, José Luis Mendilìbar, dopo la sconfitta esterna per 2-1 all’ Estadio El Sadar di Pamplona contro l’Osasuna. Il tecnico basco, nella sua disamina, ha evidenziato come la sua squadra abbia accusato la stanchezza (a differenza degli avversari) ma ha anche invitato i giocatori a non farsi prendere dal nervosismo nonostante il quartultimo posto a quota 20 punti. Per l’Eibar, che non vince dallo scorso 3 gennaio (2-0 contro il Granada), si tratta della decima sconfitta stagionale. Di seguito le parole dello stesso Mendilìbar (report completo su MARCA):

“Análisis? Han jugado mucho en largo y nos han hecho daño. No hemos empezado bien el partido. Hemos entrado al partido en el minuto 25 y el primer tiempo lo hemos acabado bien, pero en el segundo tiempo nos ha costado más. Han hecho muy bien su fútbol y los méritos son de ellos. El cansancio nos ha pasado más factura que a Osasuna. Por arriba han sido mejores que nosotros y han jugado más tiempo en nuestro campo que nosotros en el de ellos. El empate parecía bueno, pero en esa falta nos han marcado. […] Clasificación? Cuando empezó LaLiga sabíamos que podíamos estar donde estamos. Por eso no nos tenemos que poner nerviosos. Tenemos que entrenar para mejorar. Es verdad que nos está costando mucho ganar, pero si seguimos así llegarán las victorias”

“Analisi? Hanno giocato a lungo e ci hanno fatto male. Non abbiamo iniziato bene la partita. Siamo entrati in partita al 25° minuto e abbiamo finito bene il primo tempo, ma nel secondo tempo è stato più difficile per noi. Hanno giocato molto bene il loro calcio e i meriti sono loro. La stanchezza ha pesato più su di noi che sull’Osasuna. In alto erano migliori di noi e hanno giocato più a lungo nella nostra metà campo che noi nella loro. Il pareggio sembrava buono, ma hanno segnato da quel calcio di punizione. […] Classifica? Quando è iniziata la LaLiga, sapevamo che potevamo essere dove siamo. Ecco perché non dovremmo essere nervosi. Dobbiamo allenarci per migliorare. È vero che è difficile per noi vincere, ma se continuiamo così, le vittorie arriveranno”