Real Madrid-Liverpool | Zidane: “Orgoglioso della mia squadra”

Real Madrid-Liverpool | Zidane: “Orgoglioso della mia squadra”. Lo ha dichiarato l’allenatore del Real Madrid, Zinedine Zidane, ai microfoni di UEFA.com dopo la vittoria interna per 3-1 all’Alfredo Di Stéfano Stadium di Madrid contro il Liverpool nell’andata dei quarti di finale di Champions League. Il tecnico dei Blancos ha mostrato la sua soddisfazione per quanto fatto dai suoi ma ha voluto anche tenere la guardia alta in vista della partita di ritorno ad Anfield. Ecco di seguito le parole dello stesso Zidane:

“È una bella sensazione e sono molto orgoglioso. Abbiamo giocato bene, ma abbiamo avuto difficoltà all’inizio del secondo tempo. Ma c’è la partita di ritorno da giocare. Non abbiamo cambiato il sistema previsto per l’assenza di Varane. Abbiamo solo inserito Militão al suo posto nel 4-3-3, che è quello che avevamo preparato. Sapevamo che potevamo attaccare lungo le fasce, i loro terzini sono molto offensivi e le cose sono andate bene per noi in questo senso, la qualità di Toni era evidente nei passaggi e il ritmo di Vinícius era lì per tutti da vedere. Nel secondo tempo hanno avuto un tiro e hanno segnato. È dura da accettare, ma questo è il calcio. La palla è caduta nella loro direzione e questo è quanto. Sono cose che succedono. Sono contento di come hanno giocato i miei ragazzi. Vinícius? Sono contento per lui perché aveva bisogno di aggiungere gol come Asensio e Benzema. Sta giocando bene, aiuta la squadra e quando segna gli dà quella spinta in più per andare avanti”.

” Es una buena sensación y estoy muy orgulloso. Hemos jugado bien, pero hemos tenido problemas al principio de la segunda parte. Pero hay que jugar el partido de vuelta. No cambiamos el sistema previsto por la ausencia de Varane. Sólo insertamos a Militão en su lugar en el 4-3-3, que es lo que habíamos preparado. Sabíamos que podíamos atacar por las bandas, sus laterales son muy ofensivos y las cosas nos salieron bien en ese sentido, la calidad de Toni se notaba en los pases y la velocidad de Vinícius estaba a la vista. En la segunda parte tuvieron una oportunidad y marcaron. Es difícil de aceptar, pero así es el fútbol. El balón cayó en su dirección y eso fue todo. Estas cosas pasan. Estoy contento con la forma en que mis chicos han jugado. ¿Vinícius? Me alegro por él porque necesitaba sumar goles como Asensio y Benzema. Está jugando bien, ayuda al equipo y cuando marca le da ese empujón extra para seguir adelante.”