Real Sociedad-Elche | Escribá: “Salvezza? Dobbiamo concentrarci su noi stessi”

Real Sociedad-Elche | Escribá: “Salvezza? Dobbiamo concentrarci su noi stessi”. Lo ha affermato l’allenatore dell’Elche, Fran Escribá, dopo la sconfitta esterna per 2-0 al Reale Seguros Stadium contro la Real Sociedad, quinta forza della Liga Santander 2020-2021. Il tecnico bianco verde, in conferenza stampa, ha evidenziato come i suoi debbano continuare a credere nella salvezza (distante un punto), con un occhio di riguardo anche ai risultati delle dirette concorrenti. Ecco di seguito le parole dello stesso Escribá (fonte: MARCA):

“La jugada la vi en directo en el campo, no la he visto repetida. Tampoco la mano en una acción de Carrillo, que comentaron los chicos. No quiero hablar de ello porque no tengo la información. Un partido ya difícil de por sí, más con la expulsión. Estoy contento y orgulloso por defender fenomenal, con un gran esfuerzo, ante un rival que te iba a dominar. Pero al mismo tiempo, estoy cabreado. Entregamos el partido en un balón parado concedido. Con un bloqueo, que duele más. Es para estar enfadado. El resultado prácticamente sin opciones de fallo. Espero que pierdan los rivales directos. Nos dejará alguna opción más. Pero debemos centrarnos en nosotros. Contra el Alavés es una enorme final. Mientras las matemáticas digan lo contrario. Creemos. Lo primero que ha dicho el grupo es que hay que pensar en el martes. Si sacamos los nueve puntos que quedan, nos da. Pero va a ser difícil”.

“Ho visto la giocata dal vivo sul campo, non l’ho vista al replay. Non ho visto nemmeno il fallo di mano in un’azione di Carrillo, che i ragazzi hanno notato. Non voglio parlarne perché non ho le informazioni. Era già una partita difficile, ancora di più con l’espulsione. Sono felice e orgoglioso, perché sono stato in grado di difendere molto bene, con un grande sforzo, contro un avversario che avrebbe dominato. Ma allo stesso tempo sono arrabbiato. Abbiamo regalato la partita su una palla inattiva concessa. Con la difesa schierata, che fa più male. È qualcosa per cui essere arrabbiati. Il risultato con praticamente nessuna opzione di fallimento. Spero che i diretti rivali perdano. Ci lascerà qualche possibilità in più. Ma dobbiamo concentrarci su noi stessi. Contro l’Alavés è una finalissima. Finché la matematica dice il contrario. Noi ci crediamo. La prima cosa che il gruppo ha detto è che dobbiamo pensare a martedì. Se otteniamo i nove punti che sono rimasti, è un bene per noi. Ma sarà difficile”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: