L’attaccante francese ha parlato a Footmercato

L’attaccante del Sassuolo, Grégoire Defrel, si racconta al portale francese Footmercato, dove racconta anche la sua seconda esperienza con la maglia neroverde ed elogiando altresì il tecnico Roberto De Zerbi e due suoi compagni di squadra come Jeremie Boga e Maxime Lopez. Ecco le sue dichiarazioni (qui la versione integrale):

Le mie caratteristiche?

“Penso che sia la velocità. Sono un giocatore piuttosto veloce e ho un piede sinistro piuttosto buono. Ho giocato in diversi ruoli nel corso della mia carriera. Questo è il mio settimo anno in Serie A, ho giocato come attaccante di punta, un po’ sulle corsie esterne o anche con due attaccanti. Per me, è qui che mi trovo nella mia posizione migliore”.

Cosa penso di mister De Zerbi?

“Ha grinta, non si arrende mai, è appassionato. Ogni giorno fa un allenamento intenso, gestisce tutti i dettagli. Cerca un po’ di più per il bel gioco. Il Sassuolo si è fatto notare la scorsa stagione producendo una delle più belle partite della Serie A. Penso che avrà una grande carriera da allenatore, finirà in un club di alto livello nei prossimi anni”.

Il talento di Boga?

“Non c’è niente da dire a riguardo, francamente. Onestamente, è un grande talento. Quando sono tornato a Sassuolo, non ho nascosto il fatto che non lo conoscevo molto bene. Mi ha fregato, ha mostrato a tutta la serie A le sue qualità. Come avete detto, a livello di palleggio è praticamente imprendibile, a volte devono arrivare in 2 o 3 per prendergli la palla e non riescono a portargliela via. In Italia ne parlano tutti. È davvero forte”.

L’impatto di Maxime Lopez dal suo arrivo in neroverde?

“Maxime si è integrato molto bene. Per noi è stato un bene, è un giocatore che sa giocare a calcio e avevamo bisogno di rinforzi nel mezzo. Non è molto alto, ma fa molto bene al nostro centrocampo. Non è molto alto, ma va molto bene per il nostro centrocampo. Per quanto riguarda l’adattamento, è vero che fa parte della squadra di Jeremie, dato che sono entrambi marsigliesi, quindi vanno molto d’accordo. Noi tre siamo spesso insieme, siamo più o meno come i francesi con il marocchino Medhi Bourabia”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: