Sassuolo, Raspadori: “Devo molto a mister De Zerbi e alla società”

Sassuolo, Raspadori: “Devo molto a mister De Zerbi e alla società”. Sono le parole dell’attaccante del Sassuolo, Giacomo Raspadori, durante il contenitore “Nero & Verde”, che viene trasmesso dai canali ufficiali della società emiliana. Il numero 18 della formazione di Roberto De Zerbi ha raccontato le tappe del suo passaggio dalle giovanili del Sassuolo fino alla prima squadra neroverde, sottolineando la grande fiducia che staff tecnico e società ripongono in lui. Ecco di seguito le sue parole (report completo su TMW):

“Essere a questo livello e a quest’età in una squadra a un livello così alto ti spinge ogni giorno a fare qualcosa in più. Devo questi risultati e al mister e alla società che hanno dimostrato di avere grande fiducia in me come persona e come giocatore e non mi sarei aspettato nemmeno io di fare così tanti minuti e partite. L’anno scorso ho avuto tante occasioni per mettermi in mostra e sono contento. Il passaggio in prima squadra? Il passaggio in prima squadra è stato tosto e non tutti sono pronti a farlo. Soprattutto da un punto di vista emotivo. È un passaggio che ti fa capire che non è un punto d’arrivo ma solo di partenza e che ti spinge a capire che ogni traguardo devi sudarlo. Il cambiamento principale è quello mentale più di quello in campo. […] I giocatori a cui mi ispiro? Eto’o è stato il simbolo da seguire quando ero ragazzino. La cosa che mi ha colpito di lui è quello di essere un leader silenzioso. Il mio riferimento principale di adesso è Aguero. Mi piace quando vengo associato a lui, soprattutto per il suo stile di gioco. Rapporto con mister De Zerbi? Il gioco di De Zerbi è particolare e molto bello. Avvantaggia i giocatori che hanno determinate caratteristiche”