fbpx

Il ’14’ raccontò nella sua autobiografia questo retroscena

Quando si parla di Ajax e di ‘calcio totale’ il nome che viene subito in mente è sicuramente quello di una straordinaria leggenda del calcio olandese come lo è stato l’indimenticabile Johan Cruijff.

L’Ajax era la sua casa, la sua famiglia ma proprio quella famiglia gli sbattè la porta in faccia. Era il 1983 e a Cruijff, allora 36enne, non gli fu rinnovato il contratto (che era in scadenza proprio quell’anno con gli Arcieri).

Il ’14’ non la prese bene al punto che decise – e la cosa fece molto scalpore all’epoca nonostante lo stesso Cruijff fosse a fine carriera – di trasferirsi agli acerrimi rivali del Feyenoord (episodio catalogato da ESPN  in una speciale classifica come il quinto peggior tradimento nella storia). 

Il perchè di tale scelta la spiegò diversi anni dopo proprio Cruijff nella sua autobiografia. Ecco cosa disse a tal proposito (fonte riproduzione: sport.periodically.com):

“Volevo sradicare la mia rabbia contro l’Ajax tramite il Feyenoord, per avermi buttato fuori come la spazzatura”.

Per sostenerci clicca sulla pubblicità


Adsense


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: