Il tecnico parla dopo lo 0-0 col Frosinone

Il Vicenza, dopo la netta vittoria fuori casa per 3-0 contro il Brescia, si conferma la formazione che frena la corsa di alcune candidate ai playoff, stavolta per 0-0 in casa al Menti contro il Frosinone. Ecco le parole post gara del tecnico Domenico Di Carlo a Rai Sport e riprese da Trivenetogoal.it:

“Queste partite bisogna cercare di portarle a casa, è già la quarta – quinta volta che facciamo bene ma non riusciamo a fare bottino pieno. Ci è mancato solo il gol. Adesso speriamo di recuperare qualche giocatore, soprattutto Longo che ci può dare una mano davanti. Rigoni? Ha iniziato con me in quel ruolo, poi è diventato un centrocampista d’attacco. Sta interpretando bene il ruolo di play basso. Io sono fiducioso, veniamo da un mese in cui abbiamo avuto il Covid con 13 giocatori fuori. Ci siamo messi alle spalle il momento più brutto, abbiamo qualità e ci sono giocatori come Meggiorini e Giacomelli che ci possono fare vincere le partite. È importante anche non aver subito gol per la seconda partita consecutiva. Dobbiamo essere più concreti e determinati. La partita col Chievo? il Chievo è la mia seconda casa, quando ho allenato il Chievo mi sentivo dentro una famiglia. Spero che si siano presi i tre punti oggi con l’Entella e che martedì ce li lascino a noi”.